La Nuova Sardegna

Sassari

Scade l’appalto, 56 lavoratori a rischio

Da ottobre la storica azienda del petrolchimico Ms Isolamenti non opererà più nei cantieri Matrìca

25 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





PORTO TORRES. Difesa del posto di lavoro chiedendo il supporto della politica quella messa in atto giovedì e venerdì dai 56 operai della “Ms Isolamenti” il cui contratto all’interno del progetto chimica verde scadrà ad ottobre. Nel primo incontro sono stati ricevuti dal presidente della commissione Reindustrializzazione Gilda Usai e dall’assessore Costantino Ligas, mentre la mattina del consiglio comunale hanno chiesto al sindaco Beniamino Scarpa di seguirli nella portineria mare del petrolchimico. Il problema dell’azienda sono gli avvicendamenti delle aziende d’appalto della manutenzione di Versalis e Syndial a fronte di una gara d’appalto: l’azienda vincitrice Coibesa Thermosound ha infatti dato piena disponibilità per dividere il contratto di manutenzione appena vinto con la MS Isolamenti, garantendo un punto importante per poter proseguire insieme quello stesso percorso, ma a quanto pare Versalis dice che ciò non è più possibile. «Perché si rimanda ad altri soggetti che regolamentano le gare d’appalto la soluzione del problema? – chiede il segretario della Femca Cisl di Sassari Luca Velluto –. Gli incontri sinora fatti non hanno portato alla risoluzione del problema, ma hanno solo dato una prospettiva che arriva sino ad ottobre e quindi dopo 20 anni a dipendenti specializzati e professionali viene detto che non si ha più bisogno di loro». Questo territorio ha fatto una scelta sul suo futuro scommettendo sulla chimica verde, e i lavoratori (gli stessi da 20 anni) stanno oggi danno tutto e anche di più pur di far partire questa nuova iniziativa sapendo anche che ci sarà un periodo difficile per mancanza di commesse. «Chiediamo che Versalis e Matrìca intervengano nella soluzione per i dipendenti della Ms Isolamenti – conlude Velluto –, e che lo stesso faccia il sindaco di Porto Torres firmatario di quel protocollo per garantire un futuro a chi oggi sta creando il futuro». (g.m.)

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative