La Nuova Sardegna

Sassari

la perizia contestata

Porcheddu: «Le conclusioni di Avato sono lacunose»

Sassari, omicidio Erittu: il sostituto procuratore si sofferma a lungo sulle modalità del delitto secondo lui non sufficientemente esplorate nella perizia

27 maggio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Il sostituto procuratore Porcheddu durante la requisitoria ha dedicato molto spazio alla perizia affidata dalla corte a Francesco Maria Avato. «Una perizia lacunosa e incompleta – la definisce il pm – perché omette di considerare l’ipotesi omicidiaria raccontata da Bigella». Il reoconfesso aveva infatti rivelato di aver ucciso Erittu soffocandolo con un sacchetto di plastica. «Avato disse che non avendo a disposizione il sacchetto era impossibile fare un confronto con le tracce rinvenute. Almeno in astratto il perito avrebbe potuto esprimere un giudizio sull’ipotesi alternativa del confinamento col sacchetto di plastica. Invece c’è stata una chiusura totale». A questo proposito bisogna ricordare che su Bigella pende anche una condanna a 30 anni per l’omicidio della gioielliera di Porto Torres Fernanda Zirulia. «Bigella disse di averla prima accoltellata e poi soffocata con una busta rossa. Ed effettivamente in una delle foto scattate sul luogo del delitto compare un sacchetto. A mio avviso questo aspetto non è stato indagato a sufficienza». (na.co.)

In Primo Piano
L’emergenza

Campagne invase dai cinghiali: agricoltori sul piede di guerra

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative