Perfidia, dopo i ciak in città il film di Angius sogna il “Pardo d’oro”

Dal 6 al 16 agosto sarà presentata al Festival di Locarno. Quella del regista sassarese è l’unica opera italiana in gara

SASSARI. Per sei settimane, durante la scorsa primavera, Sassari si trasformò in un grande set. Da Rizzeddu a Predda Niedda, dal Cuore Immacolato al cimitero, dal luna park di piazzale Segni a Truncu Reale, dai giardini pubblici a Porto Palmas, la città ospitò le riprese di “Perfidia”, il secondo lungometraggio del regista sassarese Bonifacio Angius.

Le riprese del film rigorosamente “made in Sassari”, vennero seguite passo passo dalla Nuova Sardegna, con un blog sul sito internet del giornale.

L’opera sarà in gara nella 67a edizione del Festival di Locarno, uno degli appuntamenti cinematografici più prestigiosi e autorevoli a livello internazionale, in programma nella città svizzera dal 6 al 16 agosto prossimi. Angius è l’unico regista italiano in concorso. Prodotto dalla Movie Factory di Roma e dalla Monello Film di Sassari in associazione con la Regione Sardegna e l'Unione cineasti indipendenti di Sassari, il film racconta la storia di un padre e un figlio che si avvicinano quando ormai è troppo tardi. Perfidia è la storia di personaggi abbandonati a loro stessi in una grande solitudine, in un mondo senza pietà e senza speranza, dove non esistono i buoni e dove non ci sono cattivi. «Tutti gli interpreti di Perfidia appartengono al luogo in cui è stato girato il film, all’interno del racconto c’è anche una parte di loro, della loro umanità e della loro vita. Per me non è stato difficile aiutarli a calarsi nell’atmosfera che volevo ottenere», racconta Bonifacio Angius a proposito del cast. Perfidia è un film di Bonifacio Angius, che firma il soggetto, la regia e, con Fabio Bonfanti e Maria Accardi, la sceneggiatura. Direttore della fotografia è Pau Castejòn Ubeda, il responsabile del suono è il sassarese Piero Fancellu. Il montaggio è stato realizzato da Tommaso Gallone con la supervisione di Cristiano Travaglioli. La scenografia è del sassarese Luca Noce, i costumi di Luisella Pintus (di Osilo), il trucco e l’acconciatura di Gerolama Sale (di Banari). Le muciche originali sono del sassarese Carlo Doneddu. Il direttore di produzione è Grazia Porqueddu, anche lei di Sassari, il produttore è Francesco Paolo Montini per la Movie Factory di Roma, i produttori associati Grazia Porqueddu e Bonifacio Angius de “Il Monello Film”, manco a dirlo, di Sassari. I ruoli principali di Perfidia sono stati interpretati dai sassaresi Stefano Deffenu, Mario Olivieri e Alessandro Gazzale, con la partecipazione di Andrea Carboni e Domenico Montixi e Noemi Medas. L’opera è stata realizzata con il contributo di Regione Autonoma della Sardegna, Fondazione Sardegna Film Commission, Fondazione Banco di Sardegna, Comune di Sassari, Camera di Commercio di Sassari, Banca di Sassari.

Riconosciuto dal Ministero per i beni culturali come «Film di interesse culturale nazionale», l'opera di Angius è un vero e proprio omaggio alla sua città anche dal punto di vista dei professionisti coinvolti. Regista e sceneggiatore, Angius si è specializzato in Italia e all’estero attraverso numerosi corsi, come quello della New York Film Accademy e quello di regia cinematografica del Centro di studi cinematografici della Catalogna. I suoi cortometraggi hanno partecipato a numerosi festival internazionali e hanno ottenuto diversi riconoscimenti. Nel 2011 ha realizzato “saGràscia”, film completamente autoprodotto, che ha ricevuto giudizi lusinghieri dalla critica e dal pubblico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes