«Dal 2018 ci saranno i vigilantes»

Il sindaco: in futuro l’arenile sarà attrezzato per evitare l’asporto di sabbia

SASSARI. Ma allora, il numero chiuso alla Pelosa si farà o non si farà? Antonio Diana dice che sarebbe anche d’accordo, ma intanto punta sul progetto speciale per la Pelosa, già finanziato dalla Regione, per un accesso controllato e “disincentivato” al più bel litorale di Stintino. Ma c’è un ma: «Il progetto speciale non potrà essere pronto prima del 2019, considerati i tempi tecnici. Nel frattempo, poiché anche noi come amministrazione ci rendiamo conto della pressione insostenibile sulla spiaggia, già per il prossimo anno attiveremo un servizio di vigilanza con guardie giurate».

Ammette il sindaco, che provvedimenti per contenere lo sfruttamento eccessivo della spiaggia non possono essere più rimandati. «L’occupazione da parte degli ambulanti delle dune è un problema che deve essere risolto, perché proprio le dune contribuiscono all’equilibrio geomorfologico dell’arenile. C’è poi l’aspetto della pulizia – prosegue il sindaco –: noi facciamo la pulizia tutti i giorni, ma occorre la consapevolezza da parte dei frequentatori che devono tenere la spiaggia nelle migliori condizioni perché loro stessi ne usufruiscono».

Quando il progetto speciale verrà realizzato porrà argini allo sfruttamento selvaggio. «La strada verrà eliminata, spariranno 250 dei 400 parcheggi esistenti, si potrà raggiungere il mare con bus navetta – spiega Diana –. È inoltre previsto che la spiaggia possa essere godibile principalmente in stabilimenti attrezzati, proprio per limitare il fenomeno dell’asporto di sabbia con sdraio, ombrelloni e teli da mare. Chi vorrà andare nella spiaggia libera dovrà portare una spiaggina ed evitare di stendere l’asciugamano. Sono anche previsti punti dove sciacquare i piedi. Ogni giorno recuperiamo chili di sabbia dalle dodici docce allestite nel centro servizi, che per fortuna riusciamo a reimmettere ».

«Noi facciamo del nostro meglio, anche con le poche forze a disposizione: abbiamo tre vigili urbani per i controlli e le sanzioni – conclude il sindaco –. Però ricordiamoci che ad agosto arrivano ogni giorno per andare verso il mare tra le 15 e le 20mila auto e che i residenti diventano 50mila. Governare questa massa di persone non è facile». (p.f.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes