Una briccola al molo di Cala Reale

Una volta completati i lavori, la Sara D potrà restare ormeggiata all’Asinara

PORTO TORRES. L’amministrazione comunale ha approvato il progetto preliminare per la realizzazione di una briccola nella banchina di Cala Reale.

Una struttura nautica finanziata con un importo di 300 mila euro dalla Regione e che dovrebbe permettere l’attracco in sicurezza del traghetto in continuità territoriale che collega la città turritana con il Parco nazionale dell’Asinara.

La briccola è uno strumento fondamentale per facilitare le operazioni di sbarco e imbarco dei passeggeri in transito sulla motonave “Sara D” e soprattutto per ottimizzare la pianificazione dei servizi.

Da circa un anno il traghetto della Delcomar ha infatti solo l’autorizzazione a fermarsi il tempo necessario per far scendere e salire i passeggeri nella banchina di Cala Reale, proprio perché la stessa non è dotata dei sistemi di sicurezza.

«All’interno del progetto preliminare abbiamo affidato anche le indagini geognostiche da eseguire sul fondale di posa della briccola – precisa l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Derudas –, considerato che non è previsto l’ottenimento della Valutazione di impatto ambientale e neanche la verifica di impatto ambientale, ma soltanto il parere di incidenza ambientale fornito sempre dalla Regione».

Le indagini geognostiche hanno lo scopo di fornire dati e informazioni necessarie per la caratterizzazione geotecnica dei terreni per la definizione del modello geologico.

La banchina di Cala Reale dovrà essere dotata di arredi portuali, briccole d’accosto, parabordi e poggia rampa per garantire appunto la sicurezza durante le manovre di ormeggio e disormeggio del traghetto.

L’auspicio di visitatori e operatori è che i lavori relativi alla struttura nautica comincino quanto prima. (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes