Allarme nitrati, Laore smentisce Copagri

Secondo l’agenzia regionale i dati forniti dall’associazione di categoria vanno ridimensionati

OZIERI. L’allarme nitrati, lanciato qualche giorno fa dai vertici della Copagri nel corso di un incontro con allevatori e imprenditori agricoli a Mores ha creato dibattito e sollevato timori e sulla questione sono intervenuti Marco Murgia e Adriana Sotgia, sindaco di Ozieri il primo e dirigente dell’Agenzia Laore la seconda. Lo hanno fatto rimarcando sconcerto per quanto riportato dall’associazione poiché secondo i dati in loro possesso e le azioni sin qui effettuate, quanto esposto va ridimensionato e riportato ad un livello meno allarmistico. «I vertici della Copagri Nord Sardegna si dicono stupiti della scarsa informazione sulla questione emergenza nitrati – ha detto Murgia –. Per dovere di cronaca devo evidenziare che tale stupore appare del tutto ingiustificato dal momento che il sistema Regione ha costantemente informato e ha collaborato con i sindaci del territorio, l’Anci Sardegna, la Provincia di Sassari e le organizzazioni di categoria. Solamente la Copagri, invitata insieme a tutti gli altri portatori di interesse con nota ufficiale del mese di gennaio 2019 a firma dei direttori generali dell’assessorato Agricoltura e del Distretto Idrografico, non ha partecipato alle numerose riunioni informative tenutesi a Cagliari e nei Comuni interessati dalla possibile delimitazione di nuova zona vulnerabile ai nitrati».

Adriana Sotgia ha ritenuto eccessivi i numeri esposti dalla Copagri e ha sottolineato che ritiene esagerato parlare di quasi tremila ettari interessati dall’inquinamento e che tutti gli enti stanno collaborando al fine di gestire un piano d’azione che verrà sottoposto all’Unione Europea. «Riguardo al possibile declassamento da zona semi svantaggiata, inoltre, la notizia è priva di alcun fondamento – ha aggiunto il sindaco – e posso affermare che le aziende del territorio non corrono alcun rischio. Non risponde a verità, infine, che le aziende dentro il perimetro dei nitrati non possano accedere a i contributi previsti dal Psr».

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes