Un cortometraggio contro i pregiudizi

Lo stanno realizzando i ragazzi del Fermi per un concorso del Miur

OZIERI. È un cortometraggio dal titolo “Il senso del dovere - Call of Duty” l’opera con la quale i ragazzi dell’istituto superiore Segni di Ozieri parteciperanno al concorso “Diversità, come la rappresenti?”, indetto dal Miur e dalla Onlus Fiaba. Ammiccando con il nome a un famosissimo videogame, il corto sviscera i temi del pregiudizio e dell’integrazione. «La trama infatti – spiegano i docenti referenti Marcello Falchi e Antonella Polo – gioca con i pregiudizi dello spettatore e, attraverso il trucco del cinema, lo conduce verso un finale inaspettato. Lo scopo è infatti sottolineare l’inganno del pregiudizio, atteggiamento sempre pericoloso che impedisce di cogliere il vero e persino l’ovvio».

La lavorazione del corto sta per terminare, e la prima proiezione, riservata al cast, si terrà la prossima settimana prima dell’invio alla commissione esaminatrice. E sarà un altro momento di confronto, come già lo è stato il periodo di lavorazione del film, che come raccontano sempre i docenti «ha rappresentato un momento di grande integrazione e inclusione per docenti e studenti, coinvolgendo tutti in un clima di lavoro sempre allegro, ma con la serietà che si respira in un vero set cinematografico, unendo nel progetto ragazzi e ragazze di classi diverse, spesso sconosciuti tra di loro, tuttavia uniti in questi giorni dalla magia del cinema».

Un lavoro corale che ha già centrato il suo obiettivo e che qualunque sia il risultato del concorso rappresenta già una bellissima esperienza e una importante vittoria per ragazzi e docenti. (b.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes