Bonus e cantieri, Muros riparte

L’amministrazione comunale ha un piano di aiuti per le famiglie e i commercianti dopo il lockdown

MUROS. Muros riparte dopo il lockdown. L’amministrazione guidata dal sindaco Federico Tolu progetta il futuro dopo aver sostenuto la popolazione nella fase più critica dell’emergenza Covid-19.

Le misure anticrisi. Il lavoro al Comune non si è mai interrotto. Gli uffici in smartworking hanno proseguito a supportare la cittadinanza applicando le misure decise da sindaco e giunta. Tra queste un bonus di 1000 euro per le attività costrette a fermarsi per il rischio contagio e 15mila euro spesi per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e beni alimentari, oltre all’erogazione dei fondi di emergenza regionali per oltre 65mila euro. Sono state riviste le scadenze delle tasse comunali: la Tari sarà ridotta del 30% per le famiglie e del 20% per le imprese e divisa in 4 rate fino a dicembre. In seguito alla sospensione delle tasse per l’occupazione del suolo pubblico, il Comune agevolerà bar ed esercizi commerciali per la sistemazione deitavoli all’aperto. Per dare respiro ai ragazzi e alle loro famiglie, il Comune ha organizzato un campus estivo gratuito per 25 ragazzi tra 6 e 14 anni nel centro sportivo “Le Querce” di Sassari, mentre nel paese saranno allestite ulteriori iniziative culturali.

Al lavoro per il futuro. Passata la fase critica, l’amministrazione riprende la programmazione per diverse iniziative che cambieranno il volto del paese. Il grande progetto del primo centro di idrokinesiterapia in Sardegna può vedere la luce: i lavori sono stati finanziati con oltre 750mila euro dalla Regione tramite l’Unione dei Comuni di Coros e Anglona. Il complesso, con piscine coperte ed ecosostenibile, sorgerà nell’area dell’ex scuola elementare di via Battisti e sarà fruibile per tutto l’anno per diversi tipi di riabilitazione. Sarà riportato presto a nuova vita anche il campo sportivo comunale, a breve partirà il piano degli asfalti per sistemare la rete viaria del comune, mentre gli stalli per le auto sono ora delimitati con nuovi dissuasori di parcheggio in pietra e ferro.

In piazza Repubblica è stato posizionato un pannello elettronico informativo per aggiornamenti e segnalazioni di protezione civile, mentre nella fermata del pullman è stata installata una nuova pensilina illuminata in vetro e ferro. Aiuole e aree verdi verranno completamente ridisegnate.

È in dirittura di arrivo l’accordo per l’acquisto dell’ex asilo di piazza Repubblica che sarà destinato a Centro diurno per gli anziani: il Comune colmerà così un vuoto, offrendo a un’importante fascia della popolazione residente una struttura di socializzazione e riposo. Altri interventi riguardano il completamento della rete di videosorveglianza, la sistemazione della Sala Lisai, della palestra e opere di consolidamento per la sicurezza urbana. Per fronteggiare la cronica mancanza d’acqua dovuta all’inefficienza della rete idrica, saranno assegnati contributi a fondo perduto per la realizzazione di cisterne, autoclavi e impianti di sollevamento.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes