Malattie infettive, pronti i sei nuovi posti

Il reparto è in perenne sold-out e l’età anagrafica dei ricoveri si è di nuovo innalzata

SASSARI. Nei prossimi giorni, forse già da domani, dovrebbe diventare operativo il terzo piano della palazzine di Malattie Infettive, alle Cliniche di San Pietro. Si tratta di sei posti attrezzati per pazienti a media intensità: un ampliamento di risorse che in questo periodo di assoluta emergenza è di vitale importanza.

Infatti il reparto è da settimane in totale sold out, e ogni dimissione viene immediatamente rimpiazzata nell’arco di qualche minuto. Soprattutto in questa fase nella quale la catena dei contagi si sta allungando e dove la positività sta scalando lentamente l’anagrafe aggredendo ancora una volta gli anelli più deboli. Se sino a qualche settimana fa i ricoveri riguardavano perlopiù la fasce giovani, ovvero le più esposte al contatto sociale all’interno dei locali di intrattenimento, adesso il virus si è spostato verso i loro genitori e nonni. I ragazzi spesso hanno veicolato il covid in maniera asintomatica, e nelle settimane successive lo hanno trasmesso ai loro parenti. Meno attrezzati sul versante immunitario, e quindi più vulnerabili a manifestare sintomi. Tra gli ultimi ingressi in Malattie infettive si contano nuovamente pazienti di 80 e 90 anni. E questo è un segnale preoccupante, soprattutto con la riapertura delle scuole. Migliaia di nipotini, per i quali il distanziamento sociale è solo un optional, spesso stippati negli autobus, andranno a far visita ai propri nonni, li abbracceranno e li baceranno. Mettendoli di fatto in pericolo.

Ecco perché i nuovi sei posti di sub intensiva al terzo piano nella palazzina di Malattie Infettive entrano in gioco in un momento cruciale. La direzione dell’Aou ha già reclutato i medici e gli infermieri per rendere operativo il reparto. Si tratta come sempre di interinali, digiuni di esperienza, che dovranno essere formati a tempo record. (lu.so.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes