Malattie infettive: 38 ricoverati Babudieri: non siamo al collasso

Il professor Sergio Babudieri

SASSARI. Al momento sono 38 i pazienti ricoverati nella clinica di Malattie infettive dell’Aou di Sassari, diretta dal professor Sergio Babudieri. Clinica che, pur sotto pressione per l’aumento dei...

SASSARI. Al momento sono 38 i pazienti ricoverati nella clinica di Malattie infettive dell’Aou di Sassari, diretta dal professor Sergio Babudieri.

Clinica che, pur sotto pressione per l’aumento dei casi di Covid nella provincia, è ancora lontana dalla totale saturazione. «Non siamo assolutamente al collasso anche perché – spiega Sergio Babudieri – come indicato dalle linee guida sia nazionali che internazionali (Oms), la guarigione clinica non è determinata dalla negativizzazione del tampone ma dal termine della insufficienza respiratoria. Se il paziente che non necessita più di ossigeno e di terapie endovenose e quindi può essere dimesso e far ritorno a casa. È qui, infatti, che può fare la sua convalescenza e aspettare la negativizzazione del tampone».

«Da ferragosto a oggi – riprende il direttore di Malattie Infettive - sono transitati nella nostra Clinica 133 pazienti. Se la procedura non fosse stata quella data dal Dpcm o dal ministero, difficilmente avremmo potuto ricoverare e dare assistenza a tutti questi malati».

Nei giorni scorsi, inoltre, proprio come previsto dal piano per l’emergenza pandemia Covid, è stato attivato anche il reparto di Clinica Pneumologica diretta dal professor Pietro Pirina.

A disposizione ci sono 20 posti letto e, attualmente, sono 12 quelli occupati: 8 con pazienti sottoposti a terapia con alti flussi (semintensiva) e 4 in ricovero ordinario.

Infine, nella Terapia intensiva diretta dal professor Pier Paolo Terragni, sono sette i pazienti ricoverati, di questi 5 nel nuovo reparto realizzato nella palazzina di Malattie infettive e 2 nella Terapia intensiva del Palazzo Clemente.

Nella struttura di Malattie Infettive lavorano un totale di 26 infermieri. Inoltre, è stata avviata la turnazione di personale infermieristico da altri reparti, oltre che il reclutamento di personale. «La dotazione di personale assegnato è appropriata – sottolineano dalla struttura – considerato il numero di posti letto attualmente in funzione. Si aggiunga che la direzione si sta adoperando per un ulteriore reclutamento di personale infermieristico, «pur incontrando difficoltà al reperimento di figure professionali e tenendo presente i tempi indispensabili alla necessaria formazione a operare in quel contesto particolare».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes