Furti nei grandi magazzini la banda finisce in manette

Tre arresti e una denuncia per una raffica di furti commessi in città in un anno Determinanti per incastrare i giovani arrestati le immagini delle telecamere 

SASSARI. Prendevano di mira soprattutto i supermercati del centro, rubando prevalentemente generi alimentari, ma non risparmiavano i grossi centri commerciali della zona industriale, dove riuscivano a portare via i bottini più consistenti, fino ad arrivare in un caso a un furto dell’ammontare di circa 1500 euro.

Dopo oltre un anno di indagini gli agenti della squadra mobile hanno sgominato la banda del taccheggio ed eseguito tre ordinanze di custodia cautelare firmate dal giudice delle indagini preliminari Michele Contini su richiesta del sostituto procuratore Ermanno Cattaneo.

Per Wilian Carta, sassarese di 25 anni, ritenuto dagli investigatori il responsabile principale di almeno quindici furti, di forte personalità e capace di coinvolgere gli altri nelle azioni delittuose, si sono spalancate le porte del carcere di Bancali.

Hanno invece ottenuto gli arresti domiciliari Francesco Cucca, di 34 anni e Paola Rita Maninchedda di 19, entrambi sassaresi. Denunciata a piede libero, ma senza alcuna misura detentiva, una quarta persona, una sassarese di 30 anni che avrebbe preso parte solo a uno dei colpi in compagnia di Wilian Carta all’interno del negozio Muraiya di Predda Niedda.

A incastrare i componenti della banda decine di immagini degli impianti di videosorveglianza delle attività commerciali prese di mira nel corso di un anno. Gli investigatori della squadra mobile, guidati dal dirigente Dario Mongiovì, dopo una attenta attività investigativa sono arrivati all’identificazione dei quattro indagati. Dall’informativa consegnata alla Procura sono scattate le richieste d’arresto per scongiurare la possibilità che i quattro potessero commettere altri furti.

I colpi, messi a segno tra l’estate del 2019 e il mese di settembre di quest’anno sono stati commessi all’interno dell’Oviesse, nel supermercato Crai di via Florinas e in quello di via Grazia Deledda, all’interno del negozio di giocattoli Toys, nella farmacia Sant’Angelo, da Conad e da Cobec di Corte Santa Maria, da Idea Bellezza, da Coin, da Dmo Pet Care e nel negozio Muraiya gestito da cittadini cinesi. Il furto più consistente era stato commesso all’interno del grande magazzino Coin lo scorso 22 agosto, quando Wilian Carta era riuscito a portare via, dopo aver rimosso l’antitaccheggio, sedici confezioni di profumi e bagnoschiuma per un valore di circa 1500 euro.

Domani mattina, difesi dagli avvocati Danilo Mattana e Sabrina Falchi, i tre arrestati compariranno davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes