Da mesi senza diabetologo i pazienti chiedono aiuto

L’odissea di tanti cittadini tra piani terapeutici già scaduti e appuntamenti saltati Un 82enne: l’ultima visita un anno fa, impossibile anche misurare la glicemia 

PORTO TORRES. Il servizio di diabetologia è privo da alcuni mesi del medico specialista all’interno del poliambulatorio Andriolu. Una situazione molto complicata per i pazienti turritani e per quelli che arrivano dai paesi vicini a Porto Torres, che non possono effettuare la visita specialistica e non hanno mai ricevuto notizie rassicuranti dall’Azienda tutela della salute. Qualche paziente ha inoltre il piano terapeutico già scaduto e a qualcun altro scadrà alla fine di questo mese.

Tra questi ultimi c’è Fausto Desole, 82 anni, che già a novembre 2019 aveva lamentato attraverso la Nuova Sardegna l’assenza del diabetologo nella struttura sanitaria. L’Ats aveva però stretto i tempi della nomina, conferendo alla diabetologa Maria Cristina Cocco l’incarico a tempo indeterminato di trenta ore settimanali. Un atto pubblicato nell’albo pretorio on-line dell’Ats e firmato dal direttore della struttura Marco Biagini. «Grazie alla Nuova – ricorda Desole – l’Azienda aveva provveduto alla nomina della nuova diabetologa e io ho potuto svolgere la visita di controllo il 13 dicembre scorso. Da allora a oggi sono però saltati tutti gli appuntamenti per la visita successiva, compresa quella del primo aprile 2020 in quanto eravamo in pieno periodo di emergenza epidemiologica». Ma al pensionato portotorrese è saltato anche l’appuntamento dello scorso 4 agosto, perché la stessa dottoressa ha ricordato che in piena estate c’era stata un’impennata dei contagi da Covid-19 nelle località di vacanza. «Nell’ultima telefonata al poliambulatorio mi ha risposto un’infermiera che conosco – aggiunge Fausto Desole – e mi ha riferito che la diabetologa aveva vinto un concorso a Cagliari e che quindi era stata trasferita. Il problema urgente è che a fine mese mi scade il piano terapeutico del diabete, e non posso neanche prendere le strisce per controllare i valori di glicemia».

Questo significa che il paziente diabetico di 82 anni non ha potuto effettuare una visita dallo specialista per un anno intero, e a quanto pare per qualche novità positiva bisognerà attendere l’anno prossimo.

Dopo l’addio, un anno fa, del diabetologo Pietro Deliperi, ora non c’è più neanche la sostituta che, secondo l’infermiera, ha vinto il concorso e resterà a disposizione della sanità cagliaritana. Una situazione davvero insostenibile considerato l’alto numero dei cittadini che hanno il diabete e che hanno necessità di una visita periodica per controllare il loro piano terapeutico. Le proteste sono sempre state espresse in modo molto garbato dai pazienti che sperano di ricevere notizie positive dopo l’attesa infinita di un anno.

L’auspicio a questo punto è che la dirigenza dell’Ats trovi uno specialista (uno) da spostare al più presto nel poliambulatorio Andriolu, anche per evitare possibili trasferimenti in quelle strutture già in affanno per i contagiati Covid.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes