Addio a Tiana Tola, grande guerriera

Vincitrice di sette titoli nazionali di judo si è spenta dopo una lunga malattia

SASSARI. Imbattibile sul tatami, ha lottato a lungo contro una malattia alla quale si è dovuta arrendere nei giorni scorsi: Tiana Tola, una delle atlete più rappresentative delle arti marziali sarde, lascia il ricordo di un’atleta strepitosa e di una persona speciale, capace di affermarsi in tutti i campi e della vita.

Nata nel 1960, è stata una delle grandi protagoniste dello judo sassarese negli anni Settanta, conquistando qualcosa come sette titoli nazionali quando questa disciplina era una delle regine degli sport olimpici e Sassari, grazie soprattutto all’attività dell’indimenticato maestro Mario Canopoli con il Judo Club Torres e della famiglia Sieni, sfornava atleti di altissimo livello. E del Judo Club Torres Tiana Tola era una delle atlete di punta insieme al fratello Tony, anche lui protagonista ai massimi livelli. Impossibile da superare nelle competizioni regionali, sapeva farsi valere anche quando c’era da varcare il Tirreno e la sua bacheca era stracolma di titoli, coppe e medaglie. L’unico della famiglia a non emergere come atleta è stato il terzo fratello, Roberto, che si è comunque dimostrato un fuoriclasse assoluto nella musica con la sua attività di chitarrista che lo ha portato prima nell’Orchestra Jazz della Sardegna e poi, come solista, protagonista ai Grammy Awards, massimo palcoscenico musicale. Una volta appeso il kimono al chiodo, Tiana Tola si era poi cimentata con successo nel mondo dell’imprenditoria. Dodici anni fa però le prime avvisaglie della malattia, che ha saputo affrontare da vera combattente.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes