La comunità di Bottidda festeggia i cento anni di Giacomino Piredda

Bottidda annovera tra i suoi abitanti un nuovo centenario. È Giacomino Piredda, nato il 18 aprile di cento anni fa. La vita di Giacomino è una vita segnata dalla Seconda guerra mondiale, che lui ha...

Bottidda annovera tra i suoi abitanti un nuovo centenario. È Giacomino Piredda, nato il 18 aprile di cento anni fa. La vita di Giacomino è una vita segnata dalla Seconda guerra mondiale, che lui ha subito in prima persona in Albania e Montenegro. Al suo ritorno nell’isola ha lavorato nelle miniere di Carbonia per dodici anni. Poi è emigrato in Germania per dieci anni. In Germania riesce a trovare un’occupazione anche a tanti disoccupati del paese su richiesta del direttore della fabbrica dove lavorava. Rientra infine in Sardegna, per dedicarsi alla famiglia e alla campagna. Giacomino ha avuto tre figli, Giuseppina, Francesco e Giulio, 7 nipoti e 4 pronipoti. Il centenario ha condiviso l’importante traguardo con il sindaco Ivo Nieddu e il vescovo di Ozieri Corrado Melis, che ha concelebrato la messa nella chiesa della Madonna del Rosario con il parroco di Bottidda Silvano Marongiu. (e.cor.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes