Bassa affluenza allo screening di “Sardi e Sicuri”

Pochi positivi (smentiti poi dai molecolari) ma Logudoro e Goceano hanno snobbato l’appuntamento

OZIERI. Numeri nella media anche nella seconda tappa nel distretto sanitario di Ozieri dello screening Sardi e Sicuri svoltosi nel Logudoro e nel Goceano lo scorso sabato.

Nelle centinaia di tamponi rapidi effettuati, i positivi emersi si contano sulle punte delle dita, e oltretutto sono stati tutti poi smentiti dal tampone molecolare effettuato contestualmente ma i cui risultati sono arrivati nei giorni successivi. Si parla di numeri nella media perché, sebbene la bella giornata sia stata complice, l’affluenza non è stata in generale molto alta. Molti Comuni nei mesi scorsi hanno già effettuato screening “in proprio” e numerosi tracciamenti, e oltretutto in questi paesi, nonostante lo stop degli ultimi giorni, la vaccinazione sta procedendo bene e la maggior parte degli Over 70 hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino, mentre si può dire che tutti gli Over 80 siano immunizzati avendo assunto entrambe le dosi. A queste persone si aggiungono tutte quelle individuate negli elenchi nazionali (sanitari, insegnanti, volontari di varie istituzioni, personale pubblico di diverso genere).

I dati dell’affluenza emersi registrano nel Goceano a Illorai (820 abitanti) 217 tamponi effettuati, a Bottidda (690 abitanti) 229, a Burgos (920 abitanti) 147, a Esporlatu (395 abitanti) 75, a Nule (1370 abitanti) 271; nel Logudoro 175 tamponi effettuati a Ittireddu (500 abitanti), 100 a Nughedu (810 abitanti), 105 ad Ardara (780 abitanti), 140 a Tula (1550 abitanti). (b.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes