Lungodegenze, gli anziani malnutriti condannati a morire

Il dramma nel reparto dell'ospedale a Sassari: al ricovero queste persone arrivano debilitate dalla scarsa alimentazione e 3 su 4 non superano l'anno di ricovero

SASSARI. Negli ospedali non si muore solo di Covid e di altre gravi patologie. Ciò che spesso condanna gli anziani che finiscono nelle Lungodegenze, ad esempio, è la malnutrizione. I dati del 2020 che riguardano il distretto di Sassari sono inquietanti. La stragrande maggioranza degli ultraottantenni arriva in ospedale in condizioni pietose, in fin di vita per la fame.

Un quadro clinico che, associato alle altre patologie per le quali vengono ricoverati, diventa un mix letale. Su un paziente avanti con l’età e per giunta malnutrito, le aspettative di vita si riducono al lumicino. E infatti su Sassari, il 75 per cento degli anziani accolti in Lungodegenza, che presentavano già gravi deficit alimentari, rischia di morire entro un anno.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes