Sassari, schianto in moto: gravissima mamma 35enne

Ines Battino ha urtato un Suv sull’ex 131 e la sua Kawasaki si è spezzata in due sull’asfalto

SASSARI. Dopo aver urtato la parte posteriore della Opel Moka che la precedeva sulla ex 131, la sua Kawasaki Z 750 nera ha scarrocciato per una ventina di metri sull’asfalto e poi - dopo l’impatto violentissimo con il guardrail - si è spezzata in due.

Ines Battino, sassarese di 35 anni, mamma di una bambina piccola, è volata sull’asfalto ed è rimasta per terra priva di coscienza a pochi metri dal suo casco bianco. Accanto a lei la parte posteriore della moto, mentre quella anteriore con il manubrio sono state ritrovate accartocciate a una trentina di metri di distanza.

Le condizioni della donna sono apparse gravissime agli automobilisti che hanno assistito allo schianto e che hanno attivato la macchina dei soccorsi. La 35enne è stata trasportata in città con l’elisoccorso - atterrato sulla quattro corsie - e ora lotta per la vita nel reparto di Rianimazione dell’ospedale civile Santissima Annunziata.

L’incidente si è verificato all’altezza di Ottava di fronte all’hotel Sher-Dan in direzione della città, poco dopo le 19.30. Sul posto insieme all’equipe del 118 arrivata con l’elicottero partito dalla base di Alghero, si è precipitata anche un’ambulanza.

I medici hanno provveduto a intubare la donna sul posto e a prestarle le prime cure, poi l’hanno caricata sull’elisoccorso e accompagnata in città. Una volta giunta all’ospedale la motociclista è stata sottoposta a una tac total body e poi trasferita in Rianimazione. Le sue condizioni sono molto gravi.

Nella caduta Ines Battino ha riportato un profondo trauma cranico e diverse fratture agli arti inferiori. Secondo una prima ricostruzione degli agenti della polizia locale di Sassari intervenuti insieme a una squadra dei vigili del fuoco, la motociclista avrebbe tentato un sorpasso, entrando in collisione con il suv che la precedeva.

Alla guida dell’Opel Moka si trovava Pietro Tedde, sassarese di 65 anni che viaggiava con un passeggero. Entrambi - rimasti illesi - hanno sentito un fortissimo botto sulla parte posteriore dell’auto, si sono fermati a diverse decine di metri dal luogo dell’impatto e solo a quel punto si sono resi conto di quello che era accaduto.

L’automobilista è stato sottoposto dagli agenti al test alcolemico, che è risultato negativo. Entrambi i mezzi coinvolti nell’incidente sono stati posti sotto sequestro su indicazione del magistrato di turno, il sostituto procuratore Maria Paola Asara. Poco dopo lo schianto sono accorsi sul posto un’amica della motociclista e il compagno della donna. Entrambi sotto choc hanno poi raggiunto l’ospedale per chiedere informazioni sulle condizioni della 35enne. Per circa due ore il traffico in direzione Sassari è rimasto bloccato, mentre quello in direzione di Porto Torres ha subito rallentamenti.

Gli accertamenti che verranno effettuati i prossimi giorni serviranno a capire quale sia l’esatta dinamica dello schianto. Gli agenti della polizia locale hanno raccolto le dichiarazioni di alcuni testimoni che avrebbero confermato che la collisione tra Kawasaki della 35enne e il suv sarebbe avvenuta nella corsia di sorpasso. Forse una valutazione sbagliata avrebbe fatto perdere il controllo della moto alla donna. Un errore che dopo l’impatto non le ha consentito di mantenere la moto in equilibrio, facendola finire sull’asfalto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes