Davanti al gup uno zio bancario accusato di stupro

SASSARI. È slittata a ottobre l’udienza preliminare nei confronti di un bancario sassarese di 65 anni accusato di aver molestato e violentato – costringendola ad avere un rapporto sessuale con lui...

SASSARI. È slittata a ottobre l’udienza preliminare nei confronti di un bancario sassarese di 65 anni accusato di aver molestato e violentato – costringendola ad avere un rapporto sessuale con lui dentro la macchina – la nipote che all’epoca dei fatti aveva dodici anni.

La denuncia era arrivata quando la presunta vittima – diventata una diciassettenne – in un compito in classe assegnato dalla docente di Lettere in occasione della giornata dedicata alla violenza contro le donne, aveva raccontato l’intima tragedia vissuta cinque anni prima. Tutto sarebbe cominciato con una serie di palpeggiamenti e poi si sarebbe verificato l’episodio agghiacciante all’interno della macchina al quale sarebbero seguite le minacce: «Se parli ammazzo te, poi tuo padre e tua madre». A quel punto erano partite le indagini e l’uomo era stato persino arrestato.

Nell’udienza preliminare di ottobre, dove ci sarà anche la costituzione di parte civile con l’avvocato Silvia Ferraris, il pubblico ministero dovrà formalizzare la richiesta di rinvio a giudizio. L’imputato, che ha sempre respinto tutte le accuse, è assistito dall’avvocato Marco Palmieri.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes