Sanità, per il Goceano in arrivo novità positive

La commissione di invalidità riprenderà a riunirsi una volta alla settimana Verso la soluzione anche il caso dell’uomo alle prese con la sindrome di Ondine 

BONO. Sono emerse positive novità sul fronte della sanità in Goceano da un incontro svoltosi tra il commissario Assl di Sassari Flavio Sensi, il direttore del poliambulatorio di Bono Salvatore Sanna, i responsabili delle commissioni invalidi Salvatore Lorenzoni e delle professioni infermieristiche con i componenti della commissione sanità regionale Nico Mundula e Daniele Cocco.

Tanti i problemi sul tappeto, già ampiamente sviscerati, e altri ne sono emersi di recente: come la vicenda del 39enne di Bono Cristian Cadoni, affetto dalla rarissima sindrome di Ondine ma privo della necessaria assistenza. Il giovane è stato ricevuto nel corso della riunione per esporre la suo situazione e poco dopo ha ricevuto la visita di un tecnico per verificare la situazione del respiratore che gli consente di sopravvivere alle apnee notturne tipiche della sua grave patologia. Il problema dei tubi mancanti, dovuto al fatto che di recente l’Ats aveva cambiato fornitore e quindi c’era incompatibilità con l’apparecchiatura in dotazione al 39enne, sarà risolto, perché il tecnico che ha controllato il macchinario opera per la ditta che forniva i macchinari in precedenza, che quindi potrà inviare nuovi tubi compatibili. Altro problema che si avvia a soluzione è poi quello della commissione di accertamento delle invalidità, ferma da mesi: il servizio ripartirà presto per un giorno a settimana. Anche questa situazione era stata più volte rappresentata nel territorio, da ultimo dal sindacato Spi Cgil Goceano, che nei giorni scorsi aveva rivolto un appello ai vertici sanitari sottolineando l’urgenza di riaprire un servizio così importante vista anche la presenza di circa cento pratiche in giacenza. Soddisfazione per la notizia della riapertura è stata espressa dal segretario di Spi Cgil Giovanni Ladu, che si è detto «fiducioso sul mantenimento di questo impegno» annunciando comunque «vigilanza» e ribadendo in ogni caso la presenza di una rappresentanza del sindacato alla manifestazione di Cagliari in difesa della sanità sarda.

Gli altri problemi sul tavolo erano le carenze della Diabetologia, per la quale Assl ha assicurato che saranno assegnate al poliambulatorio di Bono 12 ore settimanali mentre per il servizio dialisi si proseguirà con i livelli attuali. Infine si è discusso del problema della guardia medica di Nule-Benetutti, che manca nei fine settimana. Soddisfatti per l’esito dell’incontro si sono detti i consiglieri Nico Mundula (Fdi) e Daniele Cocco (Leu), che sono stati i promotori. «Una volta tanto - hanno detto - l’unione di rappresentanti politici del territorio, seppur di schieramenti diversi, ha dimostrato che insieme si possono ottenere risultati positivi».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes