Appuntamento con la farsa della Compagnia Teatro Sassari

SASSARI. Anche quest’anno la Compagnia Teatro Sassari, con il patrocinio del Comune e della Regione, nell’ambito di Sassari Estate, rinnova l’incontro con il suo pubblico presentando nel cortile dell’...

SASSARI. Anche quest’anno la Compagnia Teatro Sassari, con il patrocinio del Comune e della Regione, nell’ambito di Sassari Estate, rinnova l’incontro con il suo pubblico presentando nel cortile dell’ex Scuola media n.2 il “Festival della Farsa 2021”, con quattro appuntamenti che spaziano dal cabaret alla musica, dalla poesia al teatro.

Aprirà il festival venerdì alle 21 la Compagnia I Barbariciridicoli con “Sa Tzuccada de su fumu!” di Micheal Lai, Roberto Piredda e Tino Belloni, per la regia di Tino Belloni. La piecè narra delle vicissitudini turistiche di una bizzarra ed esilarante coppia di coniugi sardi, Tzia Peppanna Culimanna e Bobbore Preda Ischippiumeda.

Secondo appuntamento venerdì 23 alle 21 con la Compagnia “Figli d’arte Medas” che presenta “Vedrai Vedrai” da Modugno a Ivano Fossati, un viaggio che copre il periodo d’oro della musica d’autore italiana. Attraverso il racconto di Gianluca Medas potremo conoscere le parole e la musica dei nostri più importanti cantautori che ci hanno accompagnato dal dopoguerra fino al mondo globalizzato.

Venerdì 6 agosto alle 21 la Compagnia Teatro Sassari presenta un omaggio che avrà come protagonista il grande poeta Salvator Ruju. La serata si aprirà con un recital delle sue poesie lette e interpretate da Teresa Soro, accompagnamento musicale Sabina Sanna. Seguirà l’atto unico “La turrada di lu puetu” di Cosimo Filigheddu, per la regia di Mario Lubino. Con la “Turradda di lu puetu” Filigheddu tiene conto del profondo legame con la città di Salvator Ruju e immagina il ritorno del poeta, ormai vecchio, nella sua casa natia, sita in via Decimario, di fronte alla cattedrale di San Nicola abitata da un’altra famiglia. Gli abitanti del quartiere della sua fanciullezza si preparano ad accoglierlo con tutti gli onori.

Chiuderà il festival martedì 31 agosto alle 21 ancora la Compagnia Teatro Sassari con la divertentissima farsa in tre atti “Fuga dall’Asinara” di Mario Lubino, per la regia di Alfredo Ruscitto. Si tratta di un lavoro che si basa sulla solidità e il rigore dell’intreccio, alimentato da avvenimenti e da peripezie complicate secondo la miglior tradizione del “vaudeville”. Prezzo unico 10 euro. Per info e prenotazioni telefonare al 349/1926011 e al 336/817361.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes