«Vigliacchi, non possono farla franca»

Il sindaco Budroni: il paese faccia rete ma evitiamo di fare processi sui social

TISSI. «Mi trovo a condannare fermamente un episodio inaccettabile, ma anche a ribadire che chi si nasconde dietro tanta vigliaccheria non può farla franca».

Sul grave episodio su cui stanno cercando di fare piena luce i carabinieri della compagnia di Sassari interviene anche il sindaco di Tissi Giovanni Maria Budroni che ieri mattina ha incontrato in municipio i genitori dell’undicenne.

«L’atto di cui è stato vittima il ragazzo, al quale va la solidarietà mia e di tutta l’amministrazione comunale - spiega il primo cittadino - ci lascia sconcertati, perché il nostro paese è estraneo a simili episodi di violenza e di bullismo». Il sindaco, che ha espresso piena solidarietà anche ai familiari della giovane vittima, si è rivolto alla comunità di Tissi perché «faccia rete per individuare i responsabili - ha aggiunto Budroni - in questa battaglia di civiltà e di cultura. Sottolineo però - ha voluto specificare il primo cittadino - l’importanza di non colpevolizzare alcuno prima che tutto venga chiarito e risolto in maniera ufficiale dalle forze dell’ordine, in quanto non è ancora per niente chiaro che gli autori di questo vile gesto siano nostri concittadini. Una comunità che condanna la violenza pubblicamente - ha concluso Giovanni Maria Budroni - dimostra di non essere disposta a lasciarsi intimidire da simili gesti di violenza gratuita. Attendiamo l’esito delle indagini ed evitiamo di fare processi sui social network». (l.f.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes