Banari avrà un tutor per l’accoglienza turistica

Il Comune, che fa parte della rete dei Borghi d’Italia, ha pubblicato un bando rivolto ai giovani

BANARI. Un “tutor dell’ospite” dedicato «all’accoglienza di qualità secondo criteri di responsabilità e sostenibilità”. Lo seleziona il Comune di Banari, nell’ambito del programma integrato di promozione dell’ospitalità finalizzato allo sviluppo e alla valorizzazione turistica dei Borghi Autentici.

Il Comune del Meilogu, unitamente a una rete di altri 21 Borghi Autentici d’Italia, intende in questo modo proseguire nel suo «percorso strategico ed operativo per facilitare la creazione di 22 “Comunità Ospitali”, ovvero un dispositivo integrato e innovativo di proposta locale basato sulla valorizzazione di tutte le risorse e i potenziali del territorio».

Il candidato ideale a ricoprire il ruolo dovrà avere un’età compresa fra i 24 e i 35 anni, possedere una laurea triennale, o magistrale, o diploma sms (insegnamento nelle scuole di maturità) in una delle discipline attinenti al territorio e al turismo, preferibilmente avere maturato esperienze formative e professionali specifiche, avere la residenza nel comune di Banari o in quelli limitrofi, con adeguate conoscenze del territorio in tutti i suoi aspetti.

La durata della prestazione è prevista in due mesi, eventualmente prorogabili sulla base delle disponibilità finanziarie del progetto. Sono previste attività per 15 ore settimanali, secondo il piano operativo concordato con la “coalizione locale” ed il Comune di Banari. Al tutor verrà corrisposto dal Comune di Maullas, capofila della rete dei 22 Borghi Autentici partecipanti al progetto “Comunità ospitale”, un compenso/incentivo di ingresso nel mondo del lavoro di 500 euro mensili.

La scadenza delle domande era fissata per il 20 settembre e ora si è in attesa di conoscere quale candidato abbia superarato la selezione.(m.b.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes