Olmedo, Faedda raccoglie i frutti del lavoro

Il cinquantunenne avvocato confermato sindaco. I voti dei candidati e il nuovo consiglio comunale

OLMEDO. I cittadini di Olmedo hanno scelto la continuità amministrativa attribuendo per la seconda volta consecutiva la fascia tricolore a Toni Faedda, supportato dalla lista civica “Olmedo Domani”. Una vittoria schiacciante, la sua, come del resto dicono i numeri delle elezioni comunali che si sono svolte tra domenica e lunedì scorsi: l’avvocato con un passato di minatore nella locale miniera di bauxite ha letteralmente sbaragliato la concorrenza della rivale politica Angela Simula (sostenuta dalla lista civica “Su Mezoru”) distanziandola di ben 408 voti, per la precisione 1.268 il primo e 860 la seconda su un totale di 2.175 preferenze espresse. «Vincere la prima volta è stato bello – ha commentato a caldo il sindaco confermato – ma in questa seconda tornata lo è ancora di più, soprattutto perché non era facile spiegare ai nostri concittadini che il primo mandato è servito per la semina, mentre il momento del raccolto arriverà tra breve. Abbiamo tanto da fare – spiega – anche grazie ai dieci milioni di euro di finanziamenti che abbiamo racimolato». Tra le priorità, Faedda mette l’approvazione del Piano particolareggiato del centro storico. «Lo approveremo entro la seconda seduta del consiglio comunale – ha poi assicurato – ma non trascureremo certo i quartieri di recente costruzione: i nuovi residenti che li abitano lo sanno e ci hanno votato in massa».

In virtù di questa rielezione, la giunta guidata da Faedda potrà contare in consiglio comunale su una maggioranza con 8 seggi, che nel dettaglio sono andati a Fabio Pala (129 voti), Enrico Francesco Perre (42), Gianluca Pinna (180), Gianuario Piras (96), Laura Podda (81), Fernando Sabiu (139), Andrea Sestilli (40) e infine Salvatore Tiffu (203). Fuori – almeno per ora – gli altri candidati della lista: Celestino Codogno (30 voti), Davide Isoni (37), Vittoria Pinna (12) e infine Rita Rubattu (22).

Per quanto riguarda l’opposizione, che sarà guidata dalla sfidante, ossia l’archeologa e ricercatrice storica Angela Simula, i posti riservati nell’assemblea civica saranno 4 e andranno – oltre alla leader – a marco Biddau (85 voti), Tore Cuccureddu (149) e Maria Francesca Salaris (80). Esclusi i candidati Mauro Carboni (42), Mirko Deriu (34), Antonio Maccari (25), Gioele Pinna (53), Jessica Pruneddu (36), Pietruccia Rassu (35), Ilaria Sambrini (29), Loredana Sechi n((66) e infine Antonio Spanu (42 voti).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes