sassari
cronaca

«Day hospital contro il sovraffollamento»

L’Aou replica al Nursind: stabilizzazioni e assunzioni per far fronte alle carenze di infermieri


12 dicembre 2021


SASSARI. L'Aou di Sassari rispedisce al mittente le accuse della rappresentante sindacale del Nursind, Fausta Pileri. «È particolarmente strano che il sindacato degli infermieri si sia accorto soltanto oggi del problema delle barelle - commentano stupiti i vertici di Aou -. Questo è un fenomeno che ormai da tempo riguarda tutti i reparti di Medicina degli ospedali di Italia - prosegue la direzione strategica di viale San Pietro - e che sta interessando anche altri reparti. La rappresentante del Nursind dovrebbe avere l'onestà intellettuale di riconoscere di essere stata ricevuta dalla direzione strategica ben due volte nelle ultime settimane, e una di queste proprio nella giornata di ieri - affermano i vertici - durante l'incontro dedicato all'accordo per le progressioni economiche orizzontali. Incontro durante il quale non sono emerse altro se non generiche contestazioni».

Ulteriori precisazioni arrivano dal direttore sanitario, Franco Bandiera. «Inoltre, in un incontro precedente la rappresentante sindacale è stata invitata a proporre soluzioni ai sovraffollamenti dei reparti di Medicina, in un'ottica di collaborazione. La sindacalista, oltre a essersi impegnata a presentare un piano riorganizzativo - siamo ancora in attesa di riceverlo - ha suggerito una generica chiusura dei reparti chirurgici per utilizzare gli infermieri nei reparti internistici. Una soluzione quest'ultima non certo praticabile, è stato fatto notare, perché andrebbe ad accrescere le liste d'attesa degli interventi chirurgici, con sicure ricadute negative per i pazienti oncologici che vedrebbero ulteriormente aggravata la loro condizione». E prosegue: «Da parte nostra, anche in considerazione che venti posti letto ordinari delle Malattie infettive sono stati dedicati al Covid, abbiamo attivato il day hospital internistico nella Clinica Medica, così da alleggerire i reparti delle Medicine. E' allo studio, poi, l'attivazione di una serie di percorsi veloci, cosiddetti fast track, per patologie meno complesse così da evitare nel Pronto soccorso il sovraffollamento. Quest'ultimo è legato alla crescente centralizzazione di pazienti da ospedali quali Nuoro, Oristano, Olbia, Lanusei, ma anche Ozieri e Alghero per la carenza di personale o la chiusura di 18 posti letto della Lungodegenza di Ittiri. Le nostre strutture, così, si trovano a svolgere non soltanto il ruolo tipico di un ospedale Hub ma anche quello di presidi Spoke, assicurando una copertura che va ben oltre la competenza territoriale». Un intervento la direzione lo dedica anche alla questione del personale. «Troviamo questo attacco scomposto del Nursind fuori luogo - sottolinea la direzione strategica - oltre che lontano dai tempi, privo di una corretta visione. Basti pensare che l’Azienda a più riprese si è adoperata per assumere personale infermieristico, anche con la stabilizzazione e avviando le procedure per stabilizzarlo - le ultime si concluderanno a fine mese». «Di recente, poi - fa notare il direttore amministrativo, la dottoressa Rosa Maria Bellu -, nelle more della conclusione del concorso unificato regionale, con capofila l'Arnas Brotzu di Cagliari, sono stati assunti infermieri con contratto di lavoro interinale, per colmare le urgenti carenze di personale. Si tratta, peraltro, di giovani neolaureati che, nel primo periodo, saranno affiancati dai loro colleghi per svolgere al meglio l'attività del reparto a cui verranno assegnati».



Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.