“Presepi in città” intitolato a Vincenzo Camoglio

Il concorso dedicato al maestro ha premiato i vincitori: al primo posto si è classificata Paola Foddai

PORTO TORRES. C'era tanta emozione in aula consiliare per la cerimonia di premiazione del concorso “Presepi per la città”. La figura di Vincenzo Camoglio, un maestro nell’arte del presepe, è stata più volte evocata suscitando la commozione dei presenti, tra i quali la figlia Martina. E proprio a Vincenzo Camoglio verrà intitolato il concorso, come rivelato dall'assessora alla Cultura Maria Bastiana Cocco.

A prevalere in questa edizione (secondo le indicazioni della giuria composta da Giacomo Rum, Giovanna Manca e Fabrizio Budroni) è stata Paola Foddai il cui presepe si è distinto “per l’originalità dei manufatti, la ricercatezza e la manualità dei dettagli”.

Al secondo posto l’opera di Gavina Rudas – “realizzazione luminosa che adorna lo stabile, rivitalizzando il contesto urbano” –, al terzo lo spazio allestito dal commerciante Bruno Falchi, “che ha colto lo spirito propositivo del concorso”.

«Il concorso si chiama “Presepi per la città” perché abbiamo voluto rendere partecipi tutti i cittadini – ha affermato l’assessora Cocco –, è il finale ideale del Natale Turritano. Tutti insieme abbiamo lanciato un bel messaggio di speranza: con l’impegno e l'entusiasmo di tutti Porto Torres potrà voltare pagina».

«La partecipazione al concorso è la dimostrazione che possiamo essere tutti sindaci quando siamo in grado di esprimere amore per la nostra città» ha invece detto il sindaco Massimo Mulas. Alla vincitrice è andato un premio da 500 euro, alla seconda uno da 300, al terzo da 200.

Emanuele Fancellu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes