La Nuova Sardegna

Sassari

Sassari

La nuova vita del museo Sanna, accordo con la Rete dei menhir

La nuova vita del museo Sanna, accordo con la Rete dei menhir

Al via collaborazioni e scambi con altre strutture. Lanciato il nuovo sito

25 novembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Il museo archeologico Sanna allarga i suoi orizzonti. Dopo la riapertura avvenuta la scorsa estate con nuovi allestimenti e nuovi progetti, domani la struttura di via Roma aderirà ufficialmente alla Rete nazionale dei musei delle statue stele-menhir. L’obiettivo è quello di consolidare i rapporti di interscambio culturale tra musei finalizzati alla realizzazione di una rete che costituisca un luogo di incontro, comunicazione e valorizzazione e sia indirizzata alla loro promozione. Il museo Sanna entrerà a far parte a pieno titolo della Rete perché custodisce ed espone la prima statua menhir ritrovata a Laconi, Genna Arrèle I, che rappresenta l’icona del fenomeno statuario preistorico in Sardegna, e la collezione delle statue menhir rinvenute nella tomba di Giganti di Aiòdda a Nurallào. Nel frattempo il museo si è anche dotato di un nuovo sito, dopo che quello originario, anni fa, era stato messo fuori uso dagli hacker.

Rete dei menhir Il museo sassarese aderirà alla Rete domani alle 10 al cineteatro De André di Laconi. A siglare l’accordo saranno Luana Toniolo, direttrice della Direzione regionale dei musei, ed Elisabetta Grassi, che è invece la direttrice del Sanna. Saranno presenti Salvatore Argiolas, sindaco di Laconi, Monica Stochino, soprintendente per l’Area metropolitana di Cagliari e per le province di Oristano e Sud Sardegna, Giorgio Murru, direttore del Menhir museum di Laconi, e Michele Cossa, presidente della Commissione speciale per l’insularità. Inoltre interverranno Renato Serra, direttore della Direzione generale beni culturali, Gianfranco Zidda, che è il responsabile scientifico dell’area megalitica di Aosta, Angelo Ghiretti, direttore del museo di Pontremoli, e Salvatore Deidda Sasso, presidente della nona Commissione parlamentare.

Nuovo sito Tra le ultime novità anche la messa in rete del nuovo e ricco sito web del museo Sanna, che si può visitare all’indirizzo museosanna.cultura.gov.it. Una bella notizia, considerato che quello vecchio era stato messo fuori uso dagli hacker. Il suo recupero è stato impossibile e quindi ne è stato creato uno nuovo di zecca a pochi mesi dalla riapertura di quella che è la più importante istituzione museale della Sardegna settentrionale.

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative