La festa a giugno

Cavalcata sarda rinviata, Marongiu: «Già contattati tutti i gruppi»

Cavalcata sarda rinviata, Marongiu: «Già contattati tutti i gruppi»

Il direttore artistico: "la scelta è stata ben accolta e non c’è nessuna defezione"

19 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Tira un sospiro di sollievo il direttore artistico della Cavalcata Giuliano Marongiu, e riprende anche un attimo il fiato, dopo aver passato ore a contattare uno ad uno gli artisti che si sarebbero dovuti esibire sabato nel concertone folk-pop, le 66 associazioni provenienti da tutta la Sardegna con oltre duemila partecipanti, oltre 200 cavalieri e amazzoni e 39 associazioni e oltre duecento tra musicisti e danzatori che sarebbero dovute salire sul palco nella rassegna dei canti e delle danze tradizionali della Sardegna di domenica. Numeri impressionanti che danno ben conto di cosa la “macchina” della Cavalcata sia, e di quanto difficile possa essere metterla in pausa per due settimane.

«Hanno capito e approvato tutti – racconta Marongiu soddisfatto –. Devo dire anzi che in molti c’è stato anche sollievo per una scelta chiara e coraggiosa presa. Questi giorni di attesa, l’idea di mettersi in viaggio con il terribile dubbio di non poter sfilare, stava rovinando lo spirito che una grande festa come quella che tutti vogliamo deve avere. Tutti hanno detto che faranno tutto il possibile per esserci, chiedendo qualche ora necessaria a contattare tutti i partecipanti, ma per ora non registriamo nessuna defezione».

Un risultato non scontato, che dà conto di una macchina oliatissima: «Non posso che ribadire la mia ammirazione per i settori che curano questa manifestazione per l’amministrazione comunale – continua il direttore artistico – collaboro con loro da anni e conosco il livello altissimo di professionalità, ma a questo si aggiunge una passione e una dedizione che deriva dalla reale voglia di fare una festa curata in ogni dettaglio». Festa solo rimandata, con grande fatica supplementare: «Ma anche una rinnovata voglia di usare questo giorni in più per rendere l’edizione 2023 ancora più indimenticabile». (g.bua)



In Primo Piano
Sanità

Cercasi medico disperatamente, a bando 492 sedi in tutta la Sardegna

di Andrea Sini
Le nostre iniziative