La Nuova Sardegna

Sassari

Studenti di Medicina

Sassari, centinaia di bambini prendono d’assalto l’«Ospedale dei Pupazzi» in piazza d’Italia

di Federico Spano
Sassari, centinaia di bambini prendono d’assalto l’«Ospedale dei Pupazzi» in piazza d’Italia

Nuova edizione dell’evento organizzato dagli studenti di Medicina per aiutare i piccoli a superare la paura nei confronti dei camici bianchi

25 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Centinaia di bambini delle scuole cittadine, stamattina, giovedì 25, hanno preso d’assalto le tre tende dell’Ospedale dei Pupazzi installati in piazza d’Italia. Ogni piccolo ha portato il suo pupazzo, per farlo visitare ai giovani studenti di Medicina. 

L’evento, arrivato alla 13esima edizione, è organizzato dal Sism Sassari (Segretariato Italiano Studenti in Medicina), con il patrocinio del Comune di Sassari, e coinvolge studenti di Medicina e di Professioni Sanitarie, bambini in età compresa tra i 4 e gli 8 anni, insegnanti delle scuole dell'infanzia e delle primarie e i genitori.
Il progetto ha uno scopo pedagogico e mira a far passare ai bambini la paura dell’ospedale e dell’ambiente medico, così come del personale sanitario.

L’Ospedale dei Pupazzi è attivo dalle 9 alle 18,30, all’interno delle tre tende da campo della Brigata Sassari, nelle quali sono simulati i reparti dell'ospedale: al loro interno sono presenti un’area medica (con strumenti di cartone a misura di pupazzo per fare le diagnosi, come l’ecografo), un’area chirurgica (dove verranno ricuciti e curati i pupazzi) e una farmacia (in cui ai pupazzi verranno consegnate e assegnate le terapie). I ragazzi che partecipano al progetto sono i “Pupazzologi”, studenti di Professioni Sanitarie e Medicina che curano i pupazzi portati dai bambini.
L’esperienza fa quindi vivere al bambino in seconda persona la visita medica, andando a tranquillizzarlo sui vari aspetti. Durante la giornata sono previste anche attività all’esterno dei tendoni, con gli studenti e i Dottor-Clown del progetto Smile-X del Sism.

In Primo Piano
Strutture ricettive

Lotta al sommerso nel turismo: sul mercato tante offerte sospette

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative