La Nuova Sardegna

Sassari

La tragedia

Due morti sull’Alghero-Bosa, la dinamica dell’incidente

di Gianni Bazzoni
Due morti sull’Alghero-Bosa, la dinamica dell’incidente

All’origine dello scontro frontale una invasione di corsia

16 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari C’è una invasione di corsia alla base della tragedia che nella tarda mattinata di domenica si è consumata sulla Alghero-Bosa, la strada provinciale 105 all’altezza del chilometro 15. Sono queste le valutazioni degli agenti della polizia stradale di Sassari che hanno completato la prima fase dei rilievi dell’incidente nel quale hanno perso la vita Riccardo Delrio, 47 anni di Macomer, e Gianluca Valleriani, 66 anni, milanese ma da diciotto anni residente a Stintino. Ferita in modo grave ma non più in pericolo di vita la figlia 12enne di Delrio che si trova ricoverata in ospedale a Sassari.

Sarebbe stata proprio la Suzuki guidata da Valleriani - che rientrava verso Stintino dopo avere trascorso parte della giornata a Bosa a un incontro con amici motociclisti - a invadere l’altra corsia di marcia dove sopraggiungeva la Bmw condotta da Riccardo Delrio e sulla quale viaggiava anche la figlia 12enne. L’impatto avvenuto all’uscita da una doppia curva, dove la visibilità è fortemente ridotta non ha concesso margini per evitare lo schianto. Alla scena ha assistito anche la moglie di Riccardo Delrio e madre della ragazzina, Loredana, che li seguiva in auto a breve distanza. Scene drammatiche davanti ai suoi occhi.

Gianluca Valleriani è morto sul colpo, mentre Riccardo Delrio era ancora vivo quando sono arrivati gli operatori del 118 che hanno tentato a lungo di fare ripartire il suo cuore. Trenta minuti interminabili con quel filo di speranza che purtroppo si è spezzato per sempre.

Il magistrato titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore del Tribunale di Sassari Lara Senatore, dopo avere ricevuto il rapporto degli agenti della polizia stradale guidati dal dirigente Inti Piras, ha deciso di non disporre l’autopsia e ha disposto la restituzione delle salme alle famiglie. Gianluca Valleriani è stato portato nella cappella del cimitero di Stintino dove ieri si sono radunati familiari e amici, ma anche persone della piccola comunità che negli anni hanno avuto modo di conoscere “una persona semplice” che aveva scelto di trasferirsi a Stintino e dove si era trovato benissimo.

Il corpo di Riccardo Delrio, invece, è stato trasferito alla camera mortuaria a Sassari. Attorno a lui tanti amici, in rappresentanza di una città sconvolta, dove quel “ragazzo d’oro” era conosciuto e stimato. Alla polizia stradale il compito di restituire gli oggetti personali raccolti sulla strada, disseminati nell’arco di decine di metri dopo l’impatto tra le due moto. Sta meglio, intanto, il terzo motociclista ferito dopo essere finito in cunetta per evitare lo scontro con i due ostacoli che si è trovato davanti .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Baronia

Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

di Sergio Secci
Le nostre iniziative