La Nuova Sardegna

Sassari

Maltrattamenti in famiglia

Ploaghe, aggredisce la madre e la lascia in casa sanguinante: arrestato al bar dai carabinieri

Ploaghe, aggredisce la madre e la lascia in casa sanguinante: arrestato al bar dai carabinieri

L’uomo di 41 anni è stato denunciato a piede libero, la donna è stata trasportata al pronto soccorso di Sassari da un’ambulanza del 118

01 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Ploaghe Ha aggredito la madre dentro casa, colpendola con violenza al viso fino a ridurla a una maschera di sangue, poi è uscito dall’abitazione di famiglia ed è entrato in un bar del paese come se niente fosse.

La donna è stata soccorsa poco dopo da alcuni vicini di casa e poi accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale civile di Sassari a bordo di un ambulanza del 118. Il figlio - un operaio 41enne di Ploaghe - è stato arrestato poco dopo dai carabinieri della stazione del paese in stato confusionale seduto al tavolino di un bar.

Quando è arrivata al pronto soccorso la madre del 41enne era molto dolorante, ma fortunatamente le sue condizioni non sono gravi. Il figlio è stato accompagnato in caserma. Non è la prima volta che l’uomo dà in escandescenze.

Dopo un periodo di lavoro all’estero, il 41enne era rientrato a Ploaghe alcuni mesi fa. Nell’ultimo periodo forze dell’ordine e 118 si sono dovuti occupare di lui in più di un’occasione. Di recente l’uomo avrebbe addirittura richiesto l’intervento dell’elisoccorso per poter fare rientro in paese da una zona impervia, salvo poi annullare la richiesta. In altre occasioni sono stati i soccorritori del 118 a recuperarlo in condizioni precarie e a riportarlo a casa dopo la chiamata di alcuni compaesani.

Ieri pomeriggio qualcosa, sulla quale i carabinieri stanno cercando di fare luce, ha fatto scattare l’aggressione nei confronti della madre. La donna è stata colpita con violenza al viso e quando sono arrivati i soccorritori l’hanno trovata con il volto completamente tumefatto. Al pronto soccorso la donna è stata medicata e confortata dal personale sanitario. Per il figlio si dovrà forse trovare una struttura adatta per gestire i suoi scatti di ira e di aggressività.(l.f.)

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative