La Nuova Sardegna

Sport

I mille segreti di Ancelotti da perdente a Re Carlo

I mille segreti di Ancelotti da perdente a Re Carlo

É lui a sventolare la bandiera italiana nella pazza notte della «decima» del Real Il tecnico osannato a Madrid: ha vinto tre Coppe dei campioni, eguagliato Paisley

26 maggio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





MADRID. Altro che “maiale”, Carletto è davvero “el gato”, come a Madrid chiamano Ancelotti sostenendo che abbia sette vite. È lui, che ha appena alzato la decima, a sventolare la bandiera del calcio italiano che a livello di club conta sempre meno ma che merita l'Oscar delle panchine. Con quella di ieri sono cinque le Coppa dei Campioni vinte, due da calciatore e tre da tecnico, un record, mentre un altro primato eguagliato lo accosta a un mito del calcio inglese come Bob Paisley, unico allenatore ad aver vinto, fino a sabato, tre Coppe dalle grandi orecchie. Ancelotti si è ripreso all'ultimo tuffo quella Champions sfuggitagli in modo beffardo nel 2005 a Istanbul contro il Liverpool, la stessa squadra contro cui avrebbe sognato di vincere il suo primo titolo europeo da calciatore. Ma un grave infortunio lo portò via alla Roma, e non gli fu possibile scendere in campo in quella partita di cui fra qualche giorno ricorre un trentennale doloroso per tutti i giallorossi. Dovunque è andato l'Ancelotti tecnico ha vinto, tenendo botta di fronte a personaggi del calibro di Tanzi, Berlusconi, Abramovich, Al-Khelaifi e adesso Florentino Perez, che avrebbe potuto anche esonerarlo se avesse vinto l'Atletico. Soltanto a Torino, in casa Agnelli, non è salito sul gradino più alto del podio ed ecco perché, nonostante ovunque sia stato a giocare o allenare abbia lasciato schiere di amici, l'Ancelotti bianconero non sia mai stato amato, almeno dai tifosi. All'epoca lo fecero oggetto d'insulti impietosamente riferiti a quella pinguedine frutto del suo essere ex atleta ma soprattutto, da buon emiliano, un vero buongustaio. Ecco allora un'altra Champions, la decima, da sbattere in faccia agli ultrà che gli davano del maiale, come la prima conquistata da tecnico, alla guida del Milan e a spese proprio della Vecchia Signora, battuta ai rigori in quel di Manchester. Ancelotti ha dimostrato, con la sua calma trasformatasi in gioia e pugni al cielo soltanto dopo il gol di Marcelo, di essere più forte anche delle ossessioni madridiste, contro cui era andato a cozzare perfino un osso duro come Mourinho. La notte di Lisbona è stata quella del trionfo più atteso, del club più famoso del mondo che finalmente vede concretizzarsi il sogno a lungo inseguito. E il merito, oltre che di una rosa vasta e ricca di classe, è stato del tecnico maestro di calcio e di psicologia, come hanno testimoniato le manifestazioni di affetto per Ancelotti da parte dei suoi giocatori, arrivati a fare irruzione in sala stampa. È il gruppo Real che ha vinto, quello creato da un tecnico con cui tipi tosti come Marcelo e Casillas non hanno mai fatto storie quando si è trattato di andare in panchina. C'era una volta l'Ancelotti perdente di successo, incapace di vincere uno scudetto con la Juve dopo aver totalizzato 144 punti in due campionati, non abbastanza per battere prima la Lazio di Cragnotti e poi la Roma di Sensi e Capello. Ma da allora n'è passato di tempo, e nel frattempo “el Gato” ha fatto collezione di successi vincendo campionati, oltre che in Italia, in Inghilterra con il Chelsea (non c'è solo Mourinho) e in Francia con il Paris SG, ricchissimo club lasciato solo perché al Real non poteva dire di no. E adesso? Visto che rimane a Madrid, punterà a vincere anche il titolo della Liga e poi chissà che non gli venga voglia di realizzare un altro suo desiderio di cui Ancelotti parlò qualche anno addietro: «Far vincere alla Roma da tecnico quella Coppa che non gli ho potuto dare da calciatore».

Se così fosse diventerebbe re o imperatore, e non solo, come è adesso, il campione dei campioni.

Elezioni regionali 2024

Video

Elezioni regionali, ecco i volti di tutti i consiglieri eletti in Sardegna

Le nostre iniziative