La Nuova Sardegna

Sport

Buffon promuove la sua Italia «Un gruppo in grado di stupire»

Buffon promuove la sua Italia «Un gruppo in grado di stupire»

Verso Brasile 2014, il capitano della nazionale si prepara al suo quinto campionato del mondo «Non sta a me dire se siamo da finale, di certo siamo un gruppo maturo, equilibrato e affidabile»

29 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Un'outsider ma di lusso, una squadra al di sotto di Argentina, Brasile, Germania e Spagna però «matura, equilibrata, consapevole dei propri limiti e delle proprie certezze, insomma affidabile». Parla così dell’Italia Gigi Buffon al quinto Mondiale in carriera e già campione del Mondo nel 2006. Dunque una garanzia. «Non me la sento di dire che siamo da finale come ha sostenuto Prandelli. Però ci stiamo preparando per cercare di stupire il più possibile – assicura il capitano azzurro –. Siamo capaci di vincere quando va fatto e di sorprendere nelle gare quando non si è favoriti. Bisogna ammettere che Argentina, Brasile, Germania e Spagna sono un mezzo gradino sopra poi però ci siamo noi, la Francia di cui si parla poco ma un grande potenziale, il Belgio e almeno una squadra africana».

Non nomina l'Inghilterra e l'Uruguay, segno che per lui l'Italia è favorita nel proprio girone: «Al momento possiamo pensare di spingerci un pò più in là, l'Inghilterra è rivoluzionata e piena di incognite, l'Uruguay in effetti è affidabile come noi e l'Olanda. Le mie previsioni? Dai quarti in su sarebbe un buon Mondiale. Anche se ovviamente non ci si accontenta mai nè personalmente mi sento appagato. Ho vinto tre scudetti di fila ma non ancora la Champions, però il Mondiale è diverso da tutto, la Champions la si può giocare ogni anno, dura tutta la stagione ed è più legata al club, l'altro arriva ogni 4 anni e può dare spazio anche agli outsider. Vincerlo è il massimo successo per un giocatore, per quel che rappresenta per la carriera e perchè fa sentire paladini di una nazione».

Avverte un clima bello: «Questo gruppo mi sta colpendo per dedizione, serenità e costanza con cui sta lavorando, si capisce che ha precisi obiettivi in testa. Credetemi, non si riscontra sempre, mi auguro che questo senso di responsabilità sia foriero di grandi risultati. Come vedo da capitano Balotelli, Rossi e Cassano? Bene, vogliosi di fare il massimo per la causa e non avere rimpianti». È felice delle riconferme di Conte e Prandelli: «Quando si arriva da anni di grandi risultati ogni giocatore confida di continuare con certi progetti, conscio di non aver ancora sparato tutte le cartucce».

In Primo Piano
Meteo

Nubifragi e grandinate: dal Sassarese alle Baronie il maltempo colpisce il nord Sardegna

Le nostre iniziative