La Nuova Sardegna

Sport

«La nuova Torres va già all’attacco»

di Daniele Doro
«La nuova Torres va già all’attacco»

Domenico Capitani esalta il mister Cosco: «Gioca sempre per vincere ed è un grande esperto della C. Vi sorprenderà»

28 luglio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. «Mi hanno chiesto di andare in ritiro con la squadra per aspettare tutti insieme la decisione del consiglio federale. Io invece il primo agosto sarò a Sassari, in sede, allo stadio, E’ li che aspetterò l’esito della domanda di ripescaggio e spero di poter gioire con i miei collaboratori, con tutti tifosi sassaresi e con l’intera città”.

Anche per Domenico Capitani sono giorni di ansia anche se tutto sembra dire che la squadra sassarese il prossimo campionato giocherà nella nuova serie C unica.

“Aspettiamo fiduciosi - dice Capitani -, consapevoli di avere le carte in regola. Anzi, voglio sottolineare che noi siamo pronti da tempo e la domanda di ripescaggio l’avremmo voluta presentare già il 18 luglio, ma è stata una fatica immane ottenere le certificazioni necessarie per superare gli esami federali, soprattutto per quanto riguarda la regolarità della struttura sportiva. Però abbiamo lavorato con grande impegno, e voglio ringraziare Andrea Budroni, Andrea Prato e gli altri collaboratori per un lavoro svolto con una determinazione eccezionale”.

“Adesso siamo pronti - dice ancora l’amministratore unico rossoblù - e domani mattina accompagnato dall’avvocato Cacchio sarò a Roma per depositare la documentazione alla CoViSoc, poi andrò in Lega per consegnare quella relativa alle strutture sportive. La Torres presenterà una domanda di ripescaggio completa".

“Abbiamo fatto molto - aggiunge Domenico Capitani - trovando anche apprezzabili risposte da parte delle istituzioni, il sindaco è stato disponibilissimo a dare una mano. Ecco, semmai ho il rammarico di non essere ancora riuscito a parlare con la Regione per far capire che la Torres è qualcosa di importante per Sassari e il territorio ma anche per la Sardegna tutta. A volte mi viene da pensare che qualcuno non voglia vedere crescere la Torres, e non capisco perché. Ma io sono tosto e vado avanti perchè voglio bene a questa società”.

Intanto, la squadra da ieri è al lavoro nelle Marche. «Non potevamo aspettare oltre. Enzo Nucifora sta mettendo su una squadra che nasce già con una base ottima».

A proposito, la scelta di Vincenzo Cosco come nasce?

«Lo conosco da tanti anni, ho sempre cercato di portarlo nelle mie squadre pontine ma lui ha sempre voluto allenare in C . Ha sempre lavorato bene in C1 e lo scorso anno è sceso in D, ma non perché non avesse altre offerte. Quando l’ho contattato ha subito sposato i nostri progetti e ha trovato grande sintonia con Enzo Nucifora. E’ molto preparato, ama il gioco d’attacco e vuole sempre vincere. Inoltre ha uno staff di primissimo ordine e grande professionalità. E’ un allenatore che sa avere un eccellente rapporto con i giocatori e anche con i media e i tifosi. Sarà una sorpresa per tutti».

La squadra, ovviamente, andrà completata.

«Non avere la certezza ufficiali del ripescaggio sta condizionando le nostre mosse di mercato. Però c’è grande fiducia e tanti giocatori hanno dato la disponibilità a vestire rossoblù e, soprattutto, ad attendere il 1° agosto. Poi chiuderemo tante altre trattative che sono in stand-by. E riguardano giocatori importanti, così come sono importanti i nostri rapporti con società di serie A che possono e vogliono darci una mano».

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Le associazioni di categoria ad Alessandra Todde: «Energia e trasporti le priorità per l’isola»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative