La Nuova Sardegna

Sport

Europa League, l’urna sorride all’Italia

Gironi abbordabili per Inter, Napoli, Fiorentina e Torino. Tra le avversarie Bruges, Copenhagen, Slovan e Paok Salonicco

30 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ROMA. L'urna di Montecarlo sorride alle quattro squadre italiane impegnate in Europa League: Fiorentina, Inter e Torino per merito, Napoli per demerito dopo la 'retrocessione’ dai playoff di Champions. Per le italiane, insomma, non è andata affatto male, con gironi tutto sommato più che abbordabili e alla portata di passaggio del turno, con qualche nota caratteristica come nel caso dell'Inter che dovrà far visita agli azeri del Qarabag, cenerentola assoluta del torneo e qualche anno fa al centro di un gravoso conflitto con le forze armene che occuparono la città di Adam (poi rinominata Akna) e distrussero anche l'Imarat Stadium: la squadra si è trasferita dapprima prima a Baku e ora gioca a Quzanl, nel distretto di Adam. Nel suo palmares, a livello calcistico, un titolo nazionale azero e tre coppe nazionali. Sono stati la sorpresa dei playoff, eliminando i più quotati olandesi del Twente.

Possono festeggiare soprattutto i granata che, a differenza di Inter, Napoli e Fiorentina, partivano dalla terza fascia, e quindi a rischio di trovare squadre meno abbordabili: gli uomini di Ventura hanno evitato tutti gli incontri più pericolosi e sfideranno nel gruppo B i belgi del Bruges, i finlandesi dell'Helsinki e i danesi del Copenhagen, gli unici a vantare da qualche anno una tradizione europea di qualche rispetto, come dire «mission possible».

Il Napoli, che ancora si lecca le ferite dopo la notte di Bilbao potrà quanto meno smaltire più velocemente la delusione della precoce eliminazione Champions, essendo capitato nel Gruppo I con i cechi dello Sparta, gli svizzeri dello Young Boys e gli slovacchi dello Slovan Bratislava, che per Marek Hamsik sarà una specie di ritorno a casa, avendo iniziato lì la sua carriera prima dell'arrivo in Italia. Viaggerà molto invece l'Inter (Gruppo F) che oltre alla trasferta azera, dovrà far visita anche agli ucraini del Dnipro oltre che ai francesi del St. Etienne.

Nel gruppo K, cammino leggermente più complicato per gli uomini di Vincenzo Montella, che si troveranno a giocare sul mai facile campo del Paok di Salonicco, a cui si aggiugerà la trasferta bielorussa contro la Dinamo Minsk. I francesi del Guingamp sono la terza squadra del girone.

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative