Cagliari, la Roma vince 2-1 ma la squadra è viva

Il gol del vantaggio illusorio siglato da Pavoletti

Formazione priva di diversi titolari ma capace di lottare sino alla fine e passare in vantaggio, poi la rimonta giallorossa

CAGLIARI. Cagliari battuto ma vivo. La Roma passa 2-1 alla Unipol Domus ma ha dovuto sudare per riuscirci. Rossoblù incerottati, privi di Nandez, Godin, Strootman, Dalbert e Caceres, ma che sono riusciti a stare in partita sino alla fine contro una squadra nettamente più forte. Il messaggio che arriva dalla partita è che questo Cagliari se lotta e fa il muso duro agli avversari può ancora salvarsi, a dispetto dell’ultimo posto in classifica con soli 6 punti dopo 10 giornate. Mazzarri ha schierato un 4-4-2 con Grassi e Bellanova, grande partita la sua,  titolari e Joao Pdro chiamato a sacrificarsi spesso in fase di non possesso.

Formazione piena di assenze che però partiva bene: all’8 grande lancio di Marin in area per Bellanova che, dopo aver controllato il pallone, faceva partire una bordata di destro che si stampava sulla traversa.  Un bel segnale per i rossoblù, con i giallorossi che restavano un po’ sul chi vive dopo il pericolo corso.

Roma che andava vicina al gol al 35’ quando un’azione iniziata da Pellegrini e Zaniolo veniva rifinita da Vina. Il cross finiva su Abraham che nel rimpallo con Cragno mandava la palla sul fondo da pochi passi.

Al 40’ due belle iniziative di Lykogiannis sulla sinistra, cross al centro e sulla seconda azione Veretout si salvava in angolo anticipando Pavoletti. Il tempo si chiudeva con un tiro dalla distanza di Zaniolo sul fondo.

All’inizio della ripresa Cagliari in vantaggio: Marin riceveva in profondità sulla destra e crossava al centro dove Bellanova profittava di un pasticcio di Vina per deviare verso l’area piccola dove Pavoletti era il più lesto di tutti a spedire la palla in rete e firmare il suo primo gol stagionale.

La partita prendeva fuoco. Replica pronta della Roma dopo un appoggio sbagliato di Grassi: cross per Zaniolo anticipato in tuffo da Cragno e rovesciata sul fondo di El Shaarawy.

Ma era ancora il Cagliari al 14’ ad andare vicino al gol: Bellanova-Deiola e traversone al centro per Pavoletti solissimo che però calciava sul portiere romanista. Ribaltamento e al 18’ cross di El Shaarawy e colpo di testa a botta sicura di Zaniolo che però non inquadrava lo specchio da pochi metri. Al 22’ Roma vicina vicina al pari con un cross Karsdorp che pesca a sinistra Pellegrini: tiro al volo e palla che si infrangeva sulla traversa e poi a terra.

Niente momenti di pausa perché al 23’ era il Cagliari a pungere: cross di Bellanova e deviazione in tuffo di Pavoletti che trova pronto alla parata Rui Patricio. Rovesciamento di fronte e 1-1: calcio d’angolo e deviazione di testa di Ibanez che sorprendeva al 26’ Cragno. Al 33’ sorpasso: punizione causata da Lykogiannis su Zaniolo e Pellegrini infilava la palla al sette. In sette minuti, insomma, il punteggio cambiava volto e riportava il Cagliari sulla terra dopo una prova discreta.

A 9’ minuti dalla fine fuori Deiola dentro Keita, la mossa della disperazione di Mazzarri per provare, con una punta in più a riacciuffare il risultato. La generosità rossoblù sfociava al 44’ in un tiro dalla distanza di Zappa bloccato a terra dal portiere ospite.

Dopo 6 minuti di recupero arrivava il fischio finale dell’incerto Pezzuto. Cagliari sconfitto ma che finiva fra gli applausi convinti dei propri tifosi. Quando si lotta duramente come è successo stavolta, alla squadra non si poteva rimproverare nulla.

Cagliari (4-4-2): Cragno, Zappa, Ceppitelli, Carboni, Lykogiannis; Bellanova, Deiola (37' st Keita), Grassi (34' st Oliva), Marin; Pavoletti, Joao Pedro. (1 Aresti, 31 Radunović 15 Altare, 33 Obert, 17 Farias, 36 Delpupo, 20 Pereiro). All.: Mazzarri.

Roma (4-2-3-1): Rui Patricio, Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina (12' st Felix Afena) Cristante, Veretout (45' st Kumbulla), Zaniolo (35' st Calafiori) Pellegrini, Mkhhitaryan (1' st El Shaarawy), Abraham. (87 Fuzato, 55 Darboe, 52 Bove, 62 Volpato, Zalewski, 11 Pérez, 14 Shomurodov, 65 Tripi ). All.: Mourinho squalificato (in panchina Sacramento).

Arbitro: Pezzuto di Lecce.

Reti: nel st 8' Pavoletti, 26' Ibanez, 33' Pellegrini.

Note. Recupero: 2' e 4'. Angoli: 10-2 per la Roma. Ammoniti: Zaniolo, Joao Pedro, Lykogiannis, Calafiori, Bellanova per gioco scorretto, Abraham per comportamento non regolamentare. Spettatori: 8.547.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes