La Nuova Sardegna

Sport

«Pari meritatissimo contro un avversario di grande spessore»

dall’inviato
«Pari meritatissimo contro un avversario di grande spessore»

L’allenatore Mazzarri adesso vede il bicchiere mezzo pieno «La squadra ha reagito nel modo migliore, ora avanti così»

01 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





VERONA. Il confronto con la squadra di sabato scorso è stato franco. Walter Mazzarri ha parlato chiaro e detto in modo inequivocabile che l'atteggiamento avuto dal Cagliari dopo aver sbloccato la gara con la Salernitana, non gli è piaciuto. Un modo schietto per dare una scossa a un gruppo che in più occasioni è arrivato ad un passo dalla vittoria per poi sciogliersi nella parte finale delle gare. Tanti i punti lasciati per strada, almeno quattro o cinque che avrebbero fatto assumere alla classifica un volto appena appena più sorridente.

«Il pari è meritato - dice subito Mazzarri smentendo Tudor che poco prima aveva parlato di dominio assoluto della sua squadra -. Nel primo tempo la squadra che è andata più vicino al gol siamo stati noi. Loro non mi sembra che nella prima frazione abbiamo creato tanto. Vero che nella ripresa abbiamo sofferto e corso qualche rischio, ma questo anche perchè il Verona è una squadra che quando alza i ritmi riesce a metterti in difficoltà».

L’allenatore del Cagliari è soddisfatto, anche se consapevole che la strada è molto lunga e soprattutto bisogna dare continuità ai risultati. Tre oareggi di fila muovono la classifica ma servono anche le vittoria per tirarsi fuori dai guai. «Intanto non aver subito reti credo sia importante per noi - aggiunge il mister rossoblù -. La squadra ha risposto alla grande anche sul piano psicologico. La vittoria buttata all’ultimo con la Salernitana poteva lasciare il segno, ma la reazione c’è stata e di questo posso ritenermi soddisfatto. Un punto qui fa morale e classifica, perchè non essere più ultimi, comunque, è importante. Ma ripeto, io la classifica continuo a non guardarla e andare avanti. Conosco, come ho già detto altre volte, una sola strada per migliorare la nostra posizione: il lavoro di tutti i giorni».

Un allenatore raramente parla dei singoli, ma Mazzarri fa un’eccezione e della rova di Radunovic dice: «Ha giocato tranquillo è fatto alcune bellissime parate. Sono contento per lui. An che questa è un’iniezione di fiducia. Ora pensiamo subito al Torino.

R.M.

In Primo Piano
Ricerca

Einstein Telescope, la ministra Anna Maria Bernini a colloquio con Alessandra Todde: «Priorità assoluta per il governo»

Salute e sicurezza

I detenuti di Mamone assistiti nel metaverso sanitario: progetto pilota Asl di Nuoro-Amministrazione penitenziaria

Le nostre iniziative