«Peccato per quelle due occasioni finali»

Walter Mazzarri continua a vedere il bicchiere mezzo pieno «La squadra ha lottato sino alla fine, è un bel segnale»

ROMA. Quando sabato gli hanno comunicato l'elenco dei positivi al Covid, non ha battuto ciglio. Walter Mazzarri le mani nei capelli le ha messe nel suo spogliatoio, quando nessuno poteva vederlo. Ha contato gli assenti ed è arrivato a quota undici. Nella testa dell'allenatore del Cagliari sono cominciate a frullare diverse idee su come schierare la squadra. Ci ha pensato, ripensato, poi si è addormentato. Alla fine ha deciso di cambiare il modulo sfruttando le risorse tecniche che il virus gli ha risparmiato.

«Peccato per le due occasioni avute nel finale, potevamo pareggiarla - dice Mazzarri in sala stampa -. Vero che non abbiamo costruito molto, però ci abbiamo almeno provato fino alla fine. Con un po’ di fortuna potevamo portare a casa un punto che tutto sommato sarebbe stato anche meritato».

Le assenze erano tante, mettere in campo una formazione competitiva non è stato semplice. «Però io devo parlare di chi ha giocato - spiega -, anche se una squadra come la nostra non può certo fare a meno di tanti giocatori. I ragazzi hanno dato tutto e non mi sembra che la Roma abbia avuto tante occasioni. Diciamo che ha approfittato di nostri errori in uscita. Ecco, questa è una lacuna che dobbiamo colmare. Quando stiamo costruendo l’azione, dobbiamo essere più attenti, fare la giocata giusta. Oggi abbiamo rischiato due tre volte di subire il gol proprio perchè se perdi palla in situazioni così, non hai le coperture preventive».

Il tecnico rossoblù non può essere contento per il risultato. Però se si vanno a guardare tutti i novanta minuti, il Cagliari non ha mollato sino alla fine e proprio nei minuti conclusivi ha sfiorato per due volte il pari. «Ho già detto che siamo un’altra squadra rispetto al girone di andata - aggiunge il tecnico livornese -, aver tentato di riprenderla anche nel recupero è una cosa positiva, significa che con la testa ci siamo. Dobbiamo crescere sotto l’aspetto caratteriale, metterci ancora più determinazione».

Domenica contro la Fiorentina non ci saranno gli squalificati Pavoletti e Carboni. L’ammonizione presa ieri farà scattare la squalifica. «Abbiamo una settimana di tempo per pensarci - chiude Walter Mazzarri -, spero di recuperare qualcuno degli assenti, a questo punto diventa importantissimo. Dobbiamo lavorare ancora di più, consapevoli che la salvezza possiamo conquistarla solo sacrificandoci e aiutandoci uno con l’altro. Io dico che questi ragazzi hanno lo spirito giusto, anche se oggi non nego che ci sono state delle cose che non mi sono piaciute. I difetti li correggeremo, su questo non ho dubbi».

R.M.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes