La Nuova Sardegna

Sport

La Juve non sfonda e alla fine cade malamente

La Juve non sfonda e alla fine cade malamente

Bianconeri fuori dalla Champions League dopo la batosta col Villareal maturata negli ultimi 12’

17 marzo 2022
2 MINUTI DI LETTURA





TORINO. La Juventus si ferma ancora agli ottavi di finale di Champions League: a far festa allo Stadium è il Villarreal di Unai Emery con un pesantissimo 3-0. Dopo l’1-1 dell’andata i bianconeri giocano praticamente solo il primo tempo, quando sfiorano il gol in più occasioni ma trovano una traversa con Vlahovic e qualche intervento di Rulli, poi crollano nella ripresa. Dopo Lione e Porto, anche il Villarreal interrompe l’avventura della Juve agli ottavi per la terza volta di fila.

La squadra di Allegri è più pericolosa fin dalle prime battute, l'asse è formata da Cuadrado e Morata: lo spagnolo devia di testa il cross del colombiano ma Rulli è reattivo, al 14' i due bianconeri si ostacolano al momento del tiro da ottima posizione. Poi sale in cattedra Vlahovic, i suoi tre tentativi trovano sempre lo specchio. Al 20' il tiro del serbo è respinto dal portiere argentino, al 22' va in anticipo su Albiol ma trova la traversa, in chiusura di tempo il suo colpo di testa è intercettato ancora dall'estremo difensore. Le occasioni migliori sono della Juve, eppure il Villarreal non sta a guardare e sfiora il gol con Locelso. Il Villareal addormenta la gara, ma al 78’ Coquelin viene steso da Rugani in area: l'arbitro Marchinak ha bisogno di riguardare l'azione al Var per decretare il rigore. Szczesny azzecca l'angolo e tocca il pallone, ma non basta per evitare l'1-0 del Villarreal. Allegri inserisce Dybala, ma Pau Torres raddoppia su azione dalla bandierina e nel recupero Danjuma fa tris ancora dal dischetto. Finisce tra i fischi del pubblico.

Nell’altra gara giocata ieri, il Chelsea si è qualificato vincendo a Lille 2-1 e dopo il successo con lo stesso punteggio.

In Primo Piano
La tragedia

Assemini, Simone Furia Calledda muore investito dal collega – VIDEO

Sardegna

Il prefetto Giancarlo Dionisi va a Livorno: "Il mio cuore resta a Nuoro e in Sardegna"

Le nostre iniziative