La Nuova Sardegna

Sport

Tutto Cagliari
Serie B

Il Cagliari prova il colpo ad Ascoli, ma dovrà rinunciare a Mancosu

di Enrico Gaviano
Il Cagliari prova il colpo ad Ascoli, ma dovrà rinunciare a Mancosu

Rossoblù a caccia di conferme nel posticipo dopo due risultati utili di fila (ore 20.30)

24 ottobre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Tegola sul Cagliari prima della partenza per Ascoli. Marco Mancosu dà forfait, scoprendo una casella nell’attacco rossoblù che il giocatore cagliaritano occupava stabilmente dalla seconda giornata di campionato. Affaticamento del flessore della gamba sinistra, recita freddamente la comunicazione della società. Liverani in conferenza stampa non ne aveva fatto cenno ma già sapeva, visto che ha parlato in avanti di uno schieramento molto offensivo.

La formazione Possibile che il tecnico tenti ancora la carta di Zito Luvumbo al centro del reparto con Falco a destra e Millico a sinistra. Una squadra che con queste caratteristiche potrebbe sfruttare al meglio le ripartenze oltre che i break dopo i pressing sui portatori di palla ascolani, ma che dovrà fare attenzione, sempre, a non perdere gli equilibri fra i reparti. Chiaramente qualche dubbio resta visto che in panchina resterebbero giocatori come Gianluca Lapadula e Leo Pavoletti oltre al sempre più oggetto misterioso Gaston Pereiro.

A centrocampo si va verso la riconferma del reparto che ha giocato inizialmente contro il Brescia: Nandez, Deiola e Makoumbou. A disposizione del tecnico romano del Cagliari ritorna anche Rog. Che è al cento per cento, dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per due partite, ma che probabilmente verrà buttato nella mischia a partita in corso avendo probabilmente ancora un “chilometraggio” limitato.

Infine la difesa, dove la novità sarà Capradossi, il giocatore prelevato dalla Roma che farà coppia al centro con Altare stante l’assenza per un mese di Goldaniga, sinora titolare fisso. Sulle fasce presumibile la riconferma di Di Pardo a destra e di Carboni a sinistra, iniezione di gioventù e freschezza per i rossoblù.

Il rendimento. La serie B non sorprende neanche quest’anno, regalando... sorprese . La squadra in auge al momento sembra perseguitata da una maledizione: prima il Brescia, poi la Reggina, quindi il Bari e poi la Ternana, tutte finite in testa e tutte punite subito dopo. Equilibrio sovrano dunque. Il Cagliari nel buco nero c’è finito perdendo due gare consecutive in casa. Poi sono venuti i pareggi in casa Genoa e la vittoria sul Brescia, a far riprendere fiato e fiducia. Ora però non si può sbagliare, contro un avversario temibile.

L’Ascoli. La formazione marchigiana è reduce dall’exploit di Bari dove ha vinto 2-0, ma è pur sempre due punti sotto i rossoblù. Ovviamente spera nel successo per poter operare il sorpasso. Stavolta la squadra allenata da Bucchi, ex calciatore rossoblù, dovrà rinunciare a un bel po’ di giocatori. Indisponibili per infortunio ci sono Buchel, Ciciretti, Gnahoré e Leali, oltre allo squalificato Gondo. Situazione che restringe le scelte del tecnico che in panchina ha guidato anche la Torres.

Il 3-5-2 ascolano dovrebbe essere declinato così: Guarna; Simic, Botteghin, Quaranta; Donati, Collocolo, Giovane, Eramo, Falasco; Bidaoui, Dionisi.

La crisi

Agriturismi, il lento declino: ogni anno sempre meno mentre in Italia crescono

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative