La Nuova Sardegna

Sport

Tutto Cagliari
Calcio serie B

Capocannoniere e trascinatore: il Cagliari sogna con Lapadula

di Enrico Gaviano
Capocannoniere e trascinatore: il Cagliari sogna con Lapadula

Ha segnato 21 gol: Ranieri, la squadra e i tifosi puntano su di lui per conquistare la serie A

22 maggio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Quando era nato da appena pochi mesi, a Cagliari sbarcarono Enzo Francescoli, Pepe Herrera e Daniel Fonseca. Tre degli stranieri rimasti più impressi nella memoria collettiva dei tifosi rossoblù insieme a Nenè e Suazo. Lui, Gianluca Lapadula, 33 anni, ha il papà italiano , ma la madre è peruviana. Dunque metà del suo sangue e sudamericano come quello degli illustri predecessori in maglia rossoblù.

Stagione boom. A inserirlo di diritto nella “hall of fame” della tifoseria cagliaritana una stagione straordinaria: lotta, grinta, impegno costante e soprattutto 21 reti all’attivo. Un autentico boom. Nessuno prima di lui nel Cagliari aveva saputo fare meglio nel campionato cadetto. Suazo, nel torneo 2003-2004 terminato con la promozione, si era fermato a 19, giocando però 45 partite, contro le 36 disputate nella stagione regolare da Lapadula. E nessuno, se non Gigi Riva per tre volte ma in serie A, aveva vinto con la maglia rossoblù una classifica cannonieri.

Seconda giovinezza. A 33 anni Lapadula sta vivendo a Cagliari una seconda giovinezza. Perché se i gol li ha sempre fatti nella sua lunga carriera, visto che è arrivato a quota 176 reti realizzate comprese le otto con la nazionale del Perù, è anche vero che 21 in campionato sono un numero eccezionale. Meglio l’attaccante era riuscito a farlo a 26 anni con il Pescara, nel campionato di serie B 2015/16: 27 gol in 40 partite più altri 4 segnati nei play off. Vinti in finale contro il Trapani nella stagione che, guarda caso, aveva visto il Cagliari primo in classifica e promosso direttamente.

Il sogno promozione. Un precedente che incoraggia i sogni e le aspettative del Cagliari e dei propri tifosi che sognano un ritorno immediato dopo l’incredibile retrocessione maturata esattamente un anno fa, il 22 maggio 2022, con il pareggio sul campo del Venezia. L’avversario che il Cagliari incontrerà nel turno preliminare il 27 maggio all’Unipol Domus. Partita secca da dentro o fuori in cui ovviamente uno dei giocatori su cui puntare a occhi chiusi sarà lo straordinario Lapadula di questa stagione. Capace non solo di fare gol a grappoli, ma anche di confezionare assist e di essere un autentico trascinatore con il suo atteggiamento da combattente per tutta la squadra, a cominciare dai tanti giovani che sono inseriti nella rosa rossoblù in questa stagione.

Girone di ritorno super. Lapadula sta vivendo un momento top. L’arrivo di Ranieri ha fatto cambiare marcia non solo al rendimento globale della squadra, visibile dai numeri maturati sotto il profilo dei punti, dei gol segnati e di quelli subìti. Ma a beneficiarne è stato principalmente proprio il capocannoniere del Cagliari. Basta un dato nudo e crudo a farlo capire senza bisogno di tanti giri di parole. All’andata Lapadula ha messo a segno appena 7 reti. Nel girone di ritorna invece i suoi gol sono stati il doppio,14 . Un biglietto da visita niente male in prospettiva play off promozione.


 

In Primo Piano
L’emergenza

Campagne invase dai cinghiali: agricoltori sul piede di guerra

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative