La Nuova Sardegna

Sport

Serie A

Matteo Prati, telenovela finita: contratto con il Cagliari sino al 2028

Matteo Prati, telenovela finita: contratto con il Cagliari sino al 2028

Il centrocampista e regista proveniente dalla Spal acquistato a titolo definitivo. Subito a disposizione di mister Claudio Ranieri

17 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Il Cagliari Calcio annuncia l’acquisto a titolo definitivo del centrocampista e regista Matteo Prati, che si trasferisce dalla Spal e ha firmato un contratto che lo legherà al club rossoblù sino al 30 giugno 2028.

Nato il 28 dicembre 2003 a Ravenna, è cresciuto nella squadra della sua città, con cui ha debuttato giovanissimo tra i professionisti, a poco più di 17 anni. Dopo una stagione in Serie D da 32 presenze, 5 reti e 4 assist è passato tra le fila della Spal, dove ha esordito in B il 3 settembre 2022 nel pareggio per 2-2 contro il Bari: lo scorso campionato è stato tra le sorprese della cadetteria in cui ha totalizzato 20 gare e 2 gol. Punto di forza della Nazionale U20, ha partecipato da protagonista ai recenti Mondiali di categoria disputati in Argentina: in gol nella partita di esordio vinta per 3-2 contro il Brasile, è stato tra gli artefici di un entusiasmante cammino che ha condotto gli azzurrini sino ad una storica finale, ad un passo dalla conquista del titolo.

Tecnica, corsa, visione di gioco: Prati è un centrocampista moderno, particolarmente versatile, capace di ricoprire tutti i ruoli della mediana. Bravo in interdizione, si esprime al meglio come playmaker dettando con spiccata personalità i tempi della manovra, abile nello stretto, ma al contempo capace di improvvisi cambi di gioco, aperture, illuminanti verticalizzazioni. Grazie ad un innato senso della posizione sa inserirsi anche senza palla, dando il suo contributo in avanti dove può far valere un tiro forte e preciso. Tra i più interessanti prospetti del calcio italiano, arriva nell’isola per mettere a disposizione della squadra il suo talento.

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative