La Nuova Sardegna

Sport

L’impresa

Coppa Davis di tennis, l’Italia è in finale

Coppa Davis di tennis, l’Italia è in finale

Con la Serbia Musetti perde il primo match, Sinner pareggia con una nuova impresa contro Djokovic poi in doppio insieme a Sonego centra il punto del 2-1

25 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Malaga Con un’esaltante prova nel doppio (6-3, 6-4) l’Italtennis batte 2-1 la Serbia e si qualifica per la finale della Coppa Davis, in programma domenica 26 novembre alle 16  (diretta Rai)  contro l’Australia. Non accadeva da 25 anni. Gli azzurri hanno sofferto, perdendo il primo match con Lorenzo Musettii, numero 2 azzurro e n.27 al mondo, battuto da Miomir Kecmanovic, numero 55 Atp, 6-7, 6-2, 6-1 in due ore e 23 minuti, poi vincendo un epico confronto con Jannik Sinner contro il numero 1 al mondo Nole Djokovic  (6-2, 2-6, 7-5 dopo 2h32' di gioco) e poi imponendosi nel match decisivo: Sinner-Sonego – Djokovic-Kekmanovic.

Il match decisivo è stato il secondo. Un leggendario Jannik Sinner (numero 4 Atp) batte Novak Djokovic con il punteggio di 6-2, 2-6, 7-5 in 2 ore e 33 minuti e regala all'Italia il punto che trascina la semifinale al doppio. Una prestazione monumentale dell'altoatesino che gioca la partita più bella della sua carriera, annullando tre match point al n. 1 al mondo.

Un risultato storico perché Djokovic non perdeva in Coppa Davis da 12 anni.

E’ stato il match chiave della semifinale fra Italia e Serbia. Fantastico Jannik Sinner nel primo parziale. L'azzurro vince il primo set con lo score di 6-2 in 37 minuti di gioco. Un parziale perfetto giocato dall'altoatesino (il migliore dei sei  negli ultimi 12 giorni contro il serbo) che ha vinto cinque game di fila, strappando il servizio due volte a un Djokovic in confusione. Djokovic "restituisce" il 6-2 subito nel primo set, trascinando la sfida al terzo. Nole si è acceso in un attimo, conquistando cinque giochi su sei dal 1-1. Sinner è sceso nel rendimento al servizio, faticando a impensierire un Djokovic imperioso.

Terzo set in equilibrio ma è all'undicesimo gioco che si compie l'impresa. Jannik Sinner è monumentale. L'azzurro strappa il servizio a Djokovic, dopo aver salvato tre match point, con un meraviglioso passante sul tentativo di serve and volley di Nole. Dopo il cambio di campo l'altoatesino serve per il match e chiudere 7-5 contro Djokovic è quasi formalità.

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Le associazioni di categoria ad Alessandra Todde: «Energia e trasporti le priorità per l’isola»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative