La Nuova Sardegna

Sport

Atletica

Staffetta 4x100, Lorenzo Patta e Filippo Tortu da brividi

Staffetta 4x100, Lorenzo Patta e Filippo Tortu da brividi

Conquistato il pass per le prossime Olimpiadi. I due velocisti sardi protagonisti alla World Relays nelle Bahamas

06 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Nassau Un secondo posto che vale il ticket per le prossime Olimpiadi di Parigi. La staffetta azzurra 4x100 fa festa sulla pista delle Bahamas, nella prima giornata delle World Relays, grazie a una grande prestazione dell’oristanese Lorenzo Patta (il più veloce in assoluto nella terza frazione), con il sardo-brianzolo Filippo Tortu che come al solito ha chiuso la volata del quartetto azzurro. Un successo collettivo ottenuto grazie al team guidato dal campione olimpico Marcell Jacobs (seconda frazione) e composto anche da Roberto Rigali (prima).

La prestazione dei velocisti sardi è da incorniciare con Lorenzo Patta che corre la sua solita ottima curva mettendo Filippo Tortu nelle condizioni di amministrare visto che per gli avversari era ormai una gara fuori dalla loro portata. Marcell Jacobs, il bicampione olimpico dello sprint, era sicuramente il più atteso e dimostra di essere in buona condizione (9.04 il suo crono ufficiale) e riesce a distendersi senza mai apparire oltre il limite.

Alla fine della gara, gli azzurri della 4x100 sono arrivati secondi nella propria batteria con il tempo di 38"14, preceduti dagli Stati Uniti di uno scatenato Noah Lyles in 37"49, al termine di una gara fluida e anche amministrata nel finale. «Volevamo arrivare nelle prime due posizioni senza troppi drammi – ha commentato a caldo Marcell Jacobs al termine della gara – e ce l’abbiamo fatta. Abbiamo confermato la forza della nostra squadra».

Lo sprinter italo-americano era sicuramente uno degli atleti più attesi a questi Mondiali di staffetta di Nassau, non a caso nei giorni precedenti la gara ha parlato spiegando la sua decisione di andare ad allenarsi in America. «Ci sono stati molti cambiamenti rispetto allo scorso anno – ha dichiarato –. Avevo avuto molti infortuni quindi ho deciso di cambiare tutto. Questo è l’anno olimpico e io sono il campione in carica, quindi ho provato a fare di tutto per tornare più forte di prima».

Per tornare a queste World Relays, può sorridere il ct azzurro Antonio La Torre con l'Italia che ha già qualificato tre quartetti ai Giochi di Parigi. Oltre ai campioni olimpici in carica della 4x100 maschile, ottengono il pass per le Olimpiadi anche le ragazze della 4x400 (Rebecca Borga, Ayomide Folorunso, Giancarla Trevisan e Alice Mangione), e i ragazzi della 4x400 (Luca Sito, Vladimir Aceti, Edoardo Scotti e Davide Re). In particolare le ragazze convincono con una prova autoritaria (3'26"28) che le porta a vincere la batteria davanti a formazioni molto più accreditate. Il tris arriva con la 4x400 uomini, capaci di imporsi con un buon 3'01"68.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative