La Nuova Sardegna

Sport

Sport senza età

La sassarese Rita Barria, campionessa italiana di scherma a 75 anni

di Gianna Zazzara
La sassarese Rita Barria, campionessa italiana di scherma a 75 anni

Ex insegnante, ultima cattedra a Sorso, ha appena vinto due bronzi ai master tricolore

09 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





 Sassari Avere 75 anni ( «76 a dicembre», precisa) e non sentirli. «L’età è un numero, conta lo spirito». Parola di Rita Barria, sassarese, insegnante in pensione e campionessa di scherma. Le ultime medaglie la settimana scorsa ai campionati italiani master nella categoria over 70: bronzo nella sciabola e nella spada. Ma a casa di Rita le coppe sullo scaffale non si contano. «Nel 2021 ho vinto la medaglia d’oro in Coppa Italia nella spada, bronzo nel 2022 e nel 2023, i miei nipoti mi chiamano Lady Oscar».

Complimenti, salire in pedana, e vincere, a 75 anni, non è da tutti.

«È una passione nata per caso cinque anni fa, una mia amica con la quale frequento i corsi di Tai Chi mi ha detto che si era innamorata della scherma e mi ha invitato a provare. “Hai il fisico adatto”, mi ha detto».

E così è finita al Circolo schermistico sassarese, dai maestri Sandro Bartoletti e Gianfranco Masia.

«Ho fatto qualche lezione di prova e mi è piaciuto subito tirare, sono stata subito circondata da tanto affetto e simpatia. Così ho iniziato ad allenarmi seriamente con Sandro alla sciabola e alla spada e con Gianfranco al fioretto».

Poi sono arrivati i tornei e le medaglie.

«Non credevo che la competizione mi sarebbe piaciuta così tanto. Ma gareggiare è anche un’ottima scusa per viaggiare, una delle mie passioni. L’anno scorso sono stata a Zara per i Mondiali».

Non è faticoso alla sua età?

«Come si fa a dire che si fa fatica se ci si diverte?»

Si allena tutti i giorni? «Al circolo due, tre volte la settimana, altre due volte vado a scuola di ballo e poi c’è il Tai Chi, mi alleno anche con la spada e la sciabola cinese. Dimenticavo, a casa ho il sacco di boxe, un altro modo per scaricare le tensioni».

Lei è instancabile, era così anche da ragazza?

«Nuotavo, andavo a cavallo ma non ho mai fatto sport a livello agonistico, la competizione l’ho scoperta adesso e devo dire che è stata una sorpresa. Mi piace vincere».

Lei è in formissima. «Peso 48 chili per un metro e 60, sono sempre stata magra, lo sport aiuta, non c’è dubbio, lo consiglierei a tutte le donne».

Ecco, cosa pensano le sue amiche della sua nuova passione?

«Sono tutte più folli di me, iperimpegnate. E comunque non frequento persone della mia età, le mie amiche sono tutte più giovani di me».

Lei con i giovani ha sempre avuto a che fare.

«Nella mia prima vita ho fatto l’insegnante di lettere, l’ultima cattedra a Sorso, alle medie, ho dei ricordi bellissimi degli anni trascorsi a scuola. I giovani ti danno una carica incredibile».

Prossimi obiettivi?

«Sto aspettando una convocazione per i Mondiali master in programma a Dubai dal 6 al 12 ottobre. Non ho mai visitato gli Emirati Arabi, sarebbe l’occasione giusta. Mi auguro che la Federazione si ricordi di me».

Fino a quando vuole continuare a salire in pedana?

«Fino a quando il fisico e la testa me lo permetteranno, quando combatti l’età è solo un numero, è lo spirito a fare la differenza».

Cosa le dicono i suoi nipoti? «Non ho avuto figli ma ho una caterva di nipoti. Sono sempre stati abituati ad avere una zia energica»

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative