La Nuova Sardegna

Dalla Maddalena il meglio delle sceneggiature

Dalla Maddalena il meglio delle sceneggiature

Assegnato il Premio Solinas: riconoscimenti ai progetti per lungometraggi, documentari e serie tv

28 settembre 2020
2 MINUTI DI LETTURA





LA MADDALENA. Dopo tre giornate di scambi tra produttori, sceneggiatori, registi e studenti alla Maddalena sono stati proclamati i vincitori dei concorsi del Premio Solinas.

La giuria del Premio Franco Solinas per il Miglior Soggetto ha indicato come progetto vincitore “ Hybris” (titolo originale Persefone) di Vincenzo Cascone ed Eleonora Galasso. Sono stati assegnate due menzioni speciali. Una per “Menocentonovantaseigradi” (titolo originale Non svegliarmi quando te ne vai) di Emanuele Sanae e l’altra a “Dai, Ringo!” (titolo originale Ringo) di Edoardo Puma.

Inoltre la giuria del Premio Solinas Experimenta Serie in collaborazione con Rai Fiction ha annunciato il progetto vincitore che verrà opzionato dal Premio Solinas per poter realizzare un pilota di serie da 25 minuti con un budget massimo di 120mila euro. Si tratta di “Post Partum” (titolo originale Baby Blues) di Chiara Zago: una serie che affronta da un punto di vista originale, quello paterno, il tema intimo e scomodo della depressione post partum. Sempre nell’ambito di Experimenta Serie due le menzioni speciali. Una per “Come la notte” (titolo originale Come la notte) di Alessandro Bosi e Mary Stella Brugiati e l’altra a “La Borda” (titolo originale La voce della nebbia) di Francesco Bitto, Francesco Ferrazzi, Erica Gallesi e Nicolò Orlandini, una storia coinvolgente in cui il gotico-padano della tradizione italiana incontra il mondo dell’adolescenza kinghiana.

Per la sezione Documentario per il Cinema in collaborazione con Apollo11 il Premio Solinas è andato a “La Roba” (titolo originale Verso la spiaggia) di Alberto Gottardo e Francesca Sironi. La giuria ha inoltre assegnato due menzioni speciali. Una a “Il piano segreto” (titolo originale Caso Perriera) di Ruben Monterosso e Federico Savonitto, l’altra a “Mind” (titolo originale Manas- sui sentieri della mente) di Livia Giunti e Francesco Andreotti .

Novità di quest’anno è stata l’assegnazione del Premio Ids Academy e del Premio IDS Industry. Ids Academy è andato a “L’invisibile” (titolo originale Il fantasma) di Michele Bertini Malgarini e Ugo Piva mentre il Premio IDS Industry è stato attribuito a “Capelloni” (titolo originale Capelloni) di Pierpaolo De Mejo.

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative