A scuola di film tre le piazze e le vie della città

È iniziato ieri e terminerà il 27 giugno. Sei giorni in cui Tempio fungerà da set per i giovani filmmaker di Cinemadamare, il grande raduno di cineasti giunto alla XIX edizione, ospite per la quarta...

È iniziato ieri e terminerà il 27 giugno. Sei giorni in cui Tempio fungerà da set per i giovani filmmaker di Cinemadamare, il grande raduno di cineasti giunto alla XIX edizione, ospite per la quarta volta della città gallurese. Mentre ieri il festival veniva presentato dal suo direttore, Franco Rina, e da Gianni Addis ed Elisabeth Vargiu, sindaco e assessore al Turismo di Tempio, per le vie della città già s’intravedevano le prime troupe alla ricerca del posto ideale in cui girare i video. Prima hanno però seguito il workshop di Veronica Cascelli tra i massimi esperti in Italia di scrittura cinematografica e sceneggiatura, ha spiegato a una quarantina di filmmaker provenienti da mezzo mondo (Colombia, Iran, Stati Uniti) quali sono gli strumenti da affinare per ottimizzare uno script (l’equivalente di un testo scenografico) prima di inviarlo a una casa di produzione. Il pacchetto di proposte comprende workshop sulla scrittura dei dialoghi in un film breve e sulla revisione delle sceneggiature dei film da girare a Tempio, e diversi momenti di approfondimento sulle tecniche di ripresa e montaggio di immagine con smartphone, l’uso di programmi e app, montaggio del suono e microfoni direzionali.

Lunedì 26 luglio, alle 21, in piazza San Pietro, proiezione di “Lontano da qui”, della regista italo-americana Sara Colangelo. Il giorno dopo, in conclusione della rassegna, sempre alla stessa ora e sempre in piazza San Pietro si svolgerà la sesta Weekly Competition con la proiezione dei filmati e delle clip realizzate durante la settimana e la premiazione dei lavori migliori. Dopo Tempio, il campus itinerante di Cinemadamare farà tappa a Milano, Como e Pisa, titoli di coda a metà settembre a Trecchina, nel Potentino. (Giuseppe Pulina)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes