Serena Rossi, una “Sposa” per Rai1

Da domenica l’attrice sarà protagonista della fiction girata da Giacomo Campiotti

ROMA. Sullo schermo la vedremo completamente trasformata: i capelli più corti del solito, non curati ma quasi ricci, la camminata curva, le mani gonfie, la stanchezza sul volto. E sul set la luminosa e brava Serena Rossi torna su Rai1 con “La sposa”, la serie tv per Rai Fiction, tre prime serate ambientate negli anni Sessanta in onda da domenica 16 gennaio, con Giorgio Marchesi e con la regia di Giacomo Campiotti. «È una serie che parla del passato, ma anche del futuro.Parla di cose semplici, di emancipazione femminile. Le donne di ieri hanno spianato la strada a quelle di oggi, anche se molto resta ancora da fare, ma non bisogna mai arrendersi. Cosa sogno? Una donna al Quirinale». Maria è una giovane donna calabrese che, per salvare la famiglia dall’indigenza, decide di accettare il matrimonio per procura voluto dal rude agricoltore vicentino Vittorio Bassi (Maurizio Donadoni). Giunta all’altare, però, Maria scopre che non sposerà Vittorio, ma suo nipote Italo (Giorgio Marchesi), che non ha mai visto. «Italo – sottolinea Marchesi – è senza luce e vive l’arrivo di questa donna in casa con l’abito da sposa come un’usurpazione dello spazio. Ma Maria parla con i fatti, si impone e non si vanta. Porterà luce nella sua vita e in quella di suo figlio al quale saprà avvicinarsi. Serena anche nella vita porta luce, sul set la mattina la si sentiva cantare, un bel modo per iniziare la giornata». La qualità di Maria che Serena Rossi pensa manchi nelle donne di oggi? «Diceva mia nonna che ci vuole pazienza. Ora si vuole tutto e subito. Forse si dovrebbe guardare lontano».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes