La Nuova Sardegna

Teatro

Efisio e Pasquale Tola: rivive sul palco il dramma di due fratelli

Efisio e Pasquale Tola: rivive sul palco il dramma di due fratelli

Al teatro Astra i Grandi personaggi di Sassari

17 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Giovedì alle 20 (alle ore 11 matinée per le scuole) ultimo appuntamento con la rassegna del Teatro Astra dedicata ai “Grandi personaggi di Sassari”. Dopo Enrico Berlinguer, il Conte di Moriana e Angelo Misuraca, la Compagnia Teatro Sassari presenterà “Perdona, Efisio. Tuo fratello Pasquale”. La pièce, come tutte le altre della rassegna, è di Cosimo Filigheddu con la regia di Mario Lubino e come le altre si addentra negli aspetti umani dei personaggi nel contesto della loro epoca richiamando gli stilemi del romanzo storico, dove l’invenzione narrativa e l’approfondimento psicologico dei personaggi assumono un ruolo primario rispetto alle vicende reali. Un incontro tra la Storia e la narrazione tra il reale e il fantastico.

«Questo nuovo appuntamento è dedicato al grande storico, magistrato e uomo politico sassarese Pasquale Tola – dice Mario Lubino – il cui monumento campeggia al centro della piazza sassarese che porta il suo cognome ma non solo il suo nome proprio. Pochi sanno infatti che l’intitolazione esatta della piazza ha i nomi di Efisio e Pasquale Tola. Efisio era il fratello minore di Pasquale, fucilato alla schiena come un traditore, nel 1833, a Chambéry, nella Savoia, allora regione del Regno di Sardegna di cui era monarca Carlo Alberto. Efisio, ufficiale dell’esercito sardo di stanza nella Savoia, venne accusato di essere un cospiratore mazziniano, dichiarato colpevole da un tribunale militare e condannato a morte. Questo episodio pesò drammaticamente su tutta l’esistenza di Pasquale, diviso tra l’affetto per suo fratello e l’ostacolo che la vicenda costituiva per la sua carriera di rigido conservatore fedele alla chiesa e alla monarchia».

La pièce prende spunto, oltre che dalla vita di Efisio e di Pasquale, da alcune lettere reperite da Cosimo Filigheddu nel Fondo Tola della Biblioteca Comunale di Sassari. Nell’opera drammatica si immagina dunque che Tola, nel 1874, pochi mesi prima della sua morte, faccia gli ultimi conti con la sua tormentata esistenza e affronti i fantasmi di questo rapporto irrisolto con il suo fratello ucciso. Fantasmi che nell’opera teatrale assumono la concretezza di veri personaggi, con una loro fisicità e una loro storia personale lasciata sospesa in una dimensione onirica tra la realtà e l’immaginario di una coscienza drammaticamente inquieta.

Interpreti: Mario e Alberto Lubino, Teresa Soro e Claudio Dionisi. Scene C.T.S., luci Tony Grandi. Lo spettacolo verrà preceduto da una presentazione a cura del professor Antonello Mattone.
 

In Primo Piano
Live

Top 1000, ecco le imprese sarde che crescono: più forti di insularità e gap strutturali

di Giuseppe Centore
Le nostre iniziative