KaralisBrick 

Apre a Cagliari il Museo dei mattoncini: il mondo e la Sardegna con i Lego

di Elsa Pascalis
Apre a Cagliari il Museo dei mattoncini: il mondo e la Sardegna con i Lego

01 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Passione Lego: il gioco dei mattoncini più famosi del mondo, trova casa a Cagliari. Ha inaugurato ieri, KaralisBrick, il primo e unico Museo del mattoncino in Sardegna. Ospitato all’interno di Palazzo Merello, in viale Trento 5, si sviluppa su una superficie di 260 metri quadrati, interamente dedicati a opere realizzate con i Lego.

Oltre 500 i pezzi in esposizione per scenari minuziosamente riprodotti con migliaia e migliaia di mattoncini. I Lego sono un’idea di un’azienda danese che nel 1958 presentò ufficialmente la domanda di brevetto. Il nome nasce dall’unione delle parole danesi “leg godt” che significano “gioca bene”.

E con i mattoncini ci hanno giocato e ci giocano bene intere generazioni di bambini, ma come dimostrano Maurizio Lampis, fondatore e presidente dell’associazione culturale KaralisBrick e il suo collaboratore Gianluigi Cornaglia, non smettono di affascinare anche gli adulti. Il Museo del mattoncino di Cagliari attualmente espone ben dieci differenti temi, tutti realizzati secondo la fantasia dei due costruttori.

Sono 35000 i mattoncini utilizzati per realizzare la battaglia del Fosso di Helm, luogo immaginario creato dallo scrittore inglese J. R. R. Tolkien, per la trilogia de Il Signore degli Anelli. Una porzione di Terra di Mezzo con la casa di Bilbo Beggins e la Torre di Issengaard, protetta dai soldati di Rohan e tutti i personaggi più amati, Gandalf, Aragon, Ghimli e il Re Theoden, per la gioia degli appassionati del fantasy. Non poteva certo mancare un diorama dal tema Castelli e pirati: 90000 mattoncini per un castello medioevale scozzese, il suo villaggio, un fiume, un intero esercito, la costa con la fortezza, le guardie imperiali inglesi, battaglieri pirati e la loro nave, forzieri d’oro e pepite.

E ancora un’intera metropoli dove oltre i set Lego interviene la fantasia dell’autore Maurizio Lampis, nel grattacielo nero, la stazione ferroviaria e altri personaggi. Immancabili la saga di Star Wars, l’antica Roma con Colosseo e Fontana di Trevi, un dettagliato paesaggio artico e tre acquari ispirati al mondo sommerso con tanto di pesci, coralli e vascelli. Una dedica speciale alla Sardegna con le installazioni della Torre dell’Elefante simbolo del capoluogo, il santuario di Saccargia a Codrongianos, il campanile di San Ponziano di Carbonia, Cala Goloritzè, il tempio di Antas a Fluminimaggiore, il Faro di Mangiabarche di Calasetta, il Nuraghe di Silanus e altri. Gli allestimenti del KaralisBrick sono temporanei e verranno sostituiti con scadenza regolare con nuovi appassionanti temi.

Il Museo, aperto tutte le sere dal martedì al venerdì e mattina e sera durante il weekend, mette a disposizione 20 postazioni per cimentarsi con le tecniche costruttive dei Lego.


 

In Primo Piano
Emergenza nel Sassarese

Banari, strada chiusa e paese isolato: al via la staffetta di pane e farmaci

Le nostre iniziative