La Nuova Sardegna

La dedica

Le mani di Emy Scarpa e Graziella Frau per la meravigliosa pizza Re Carlo III

di Enrico Gaviano
Le mani di Emy Scarpa e Graziella Frau per la meravigliosa pizza Re Carlo III

Una chef di Iglesias e una pasticcera di Siniscola hanno messo insieme la loro arte per creare un piatto celebrativo

05 maggio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Una pizza tutta sarda in onore di re Carlo d’Inghilterra in occasione dell’incoronazione solenne che avverrà domani. L’idea nasce dalla fantasia e dalle mani sapienti di due bravissime artigiane sarde dell’enogastronomia: la pizza-chef Emy Scarpa e la pasticcera Graziella Frau, interprete formidabile dell’arte del pane artistico sardo. Due professioniste premiate più volte per i loro lavori. Il risultato è sè la pizza”King Charles”, anche un piccolo viaggio attraverso le bontà che offre la terra di Sardegna. «Sulla base della pizza – spiega Emy Scarpa – ho creato giardino sardo, con salvia, basilico, rosmarino, e poi pompia, carciofo e cardo selvatico di Fabiano Deidda Mulas di Iglesias, datterino di Pula all’ origano. Arrivano dall’azienda 8 passi di Nuragugume, in provincia di Nuoro, il pecorino e la mozzarella di pecora, utilizzata anche per il ripieno del cornicione, dove sono state inserite le punte di semi di girasole. L’ acquavite alle ghiande è realizzata a Nuchis- Tempio da Fabio Depperu. Nebulizzata conferisce, poi, un particolare aroma, come suggerito dal sommelier Fabrizio Abis».

«L’impasto – prosegue la pizza chef – è di semola con estratto di clorofilla di basilico e pinoli, la lievitazione è lenta e naturale. Pizza a chilometro zero, tutta sarda. E’ un omaggio all’ impegno ambientalista di re Carlo».

La corona è un artistico gioiello bagnato in oro, con decorazioni in rilievo e delle piccole sculture, opera preziosa uscita dal laboratorio di Graziella Frau. «E’ arrivata a Cagliari passando prima per Oristano dove l’ ha accolta il maestro pizzaiolo Giovanni Cauli, da qui la staffetta è proseguita alla semoleria Cellino, a Sanluri, per poi arrivare al Sea Flower, il ristorante su chiatta dove la pizza King Charles è stata impiattata».

Emy aveva già dedicato una pizza alla regina Elisabetta subito dopo la sua morte. La Queen Elisabeth le ha portato fortuna visto che le ha consentito di vincere il premio Renato Sorbillo a Napoli, un contest dedicato alla memoria del famoso pizzaiolo partenopeo. Una vittoria straordinaria, visto che ottenuta nella patria della pizza. «Ho voluto fare queste creazioni in onore dei regnanti di un paese che amo molto, l’Inghilterra – sottolinea Emy –. Ovviamente al primo posto c’è sempre la mia Sardegna». Anche la Queen Elisabeth è molto originale. «C’è una corona adornata con culurgiones con l’ impasto al nero di seppia – spiega – , poi le scaglie della bottarga, foglie d’oro e la crema Parmentier all’anice stellato».

Graziella Frau a sua volta è un’autentica autorità nel settore del pane artistico. Lo dimostrano i tanti premi vinti a cominciare da quello disputato a marzo a Marina di Massa: la medaglia d’oro ai campionati nazionali nella categoria pane artistico nella manifestazione promossa dalla Fipc, la Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria. Un premio che migliora quello dell’edizione 2022 quando Graziella ottenne la medaglia d’argento. «Io e Graziella siamo state messe in contatto da amici comuni – conclude Emy – ed è stata lei a proporre l’idea vincente della corona».
 

In Primo Piano
Incidente

Scontro fra un’auto e un furgone all’ingresso di Sant’Antioco: muore un 50enne di Carbonia, grave l’altro conducente

Le nostre iniziative